Onstage
Damon Albarn - Everyday Robots recensione

Damon Albarn, in Everyday Robots un talento strabordante

Esce il 28 aprile 2014 Everyday Robots, il primo album solista di Damon Albarn (sì, è solo il primo nonostante i tanti progetti del leader dei Blur). Ecco la recensione.

Damon Albarn - Everyday Robots

L’avevamo lasciato con due bellissimi dischi, quello con Flea e Tony Allen a nome Rocket Juice & The Moon e il pastorale Dr. Dee, e soprattutto con una trionfale serie di concerti con i riformati Blur, come ricorderà bene chi ha partecipato alla date italiane dello scorso anno. Ma è difficile che il genio di Damon Albarn, senza dubbio – assieme a Paul Weller – il vero erede di Ray Davies dei Kinks, si prenda dei lunghi periodi di pausa. Ecco dunque pronto un nuovo album in proprio, a riconferma di un talento strabordante.

Ascolta qui l’album in streaming

Scritto, inciso, suonato e prodotto assieme a Richard Russell, boss dell’etichetta XL (i due avevano già collaborato in sede di produzione per il disco di Bobby Womack e per l’album Kinshasa One Two), Everyday Robots è il lavoro più autobiografico e meditato del musicista inglese, tutto giocato su piano e chitarra acustica, con percussioni e batterie elettroniche a completare il quadro. Toni sommessi e ballate, con l’accento sulla qualità delle canzoni piuttosto che sul suono o sul ritmo che, per tutta la durata del disco, non si alza mai o quasi. I campionamenti  – quasi tutti estratti da dischi di Lord Buckley, artista mitologico, comico, poeta, capace di influenzare personaggi diversi come Ken Kesey o George Harrison – regalano ulteriori chiavi di lettura a un lavoro che già necessita di ascolti e pazienza.

Se non sapete da dove partire, ascoltate la splendida Heavy Seas Of Love, con ospite Brian Eno alla voce (anche in You & Me) e poi scorrete a ritroso verso la title track iniziale. Sarà un viaggio costellato da magnifici incontri, da Photographs (You Are Taking Now) alla contagiosa Mr. Tembo, dedicata a un piccolo elefante incontrato da Albarn in Tanzania.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI