Notizie

Fabri Fibra – Controcultura

Fabri Fibra

Controcultura

Universal Music

***

Il genere musicale controcultura per eccellenza? Senza dubbio l’hip-hop. Il rapper italiano più irriverente? Mi viene da dire Fabri Fibra. E come si chiama il sesto album dell’artista milanese? Controcultura, ovviamente. Le diciotto tracce scattano una fotografia inquietante al nostro Paese, immerso in una crisi sociale (e non solo) che sembra non avere fine. I bersagli preferiti di Fibra sono politici e protagonisti dello show biz, e le frecciatine – a volte dei veri e propri dardi infuocati degni del miglior Robin Hood – non si fanno attendere. Fabri, sempre sicuro e mai banale, sguazza a meraviglia nel mare burrascoso delle provocazioni, accompagnato dalla una musica che lui stesso definisce “un cellulare che invia messaggi”. Per inviarli ci vuole coraggio, qualità che certo non manca al rapper. Controcultura è un album volutamente spavaldo, politicamente scorretto, con cui Fibra conferma di essere un abile paroliere. O voi che siete i destinatari del “codice fibriano”, se ci siete battete un colpo.

Mattia Sbriziolo

Commenti

Commenti

Condivisioni