Onstage
fabri-fibra-fenomeno

Con l’album Fenomeno Fabri Fibra si riprende il titolo di numero 1 del rap italiano

Sono passati più di dieci anni da Applausi per Fibra, il singolo che ha definitivamente aperto le porte del mainstream a Fabri Fibra e a tutto il rap italiano. Con il passare del tempo la crescita del movimento è stata sensazionale e poco alla volta il genere ha conquistato sempre più spazio: dalla tv, passando per le radio fino ad arrivare alle sfilate di moda.

fabri-fibra-fenomenoOggi per molti questo genere è sinonimo di guadagno, gloria e visibilità, e il continuo desiderio di apparire a tutti i costi ha messo in secondo piano le rime, l’attitudine e la voglia di rivalsa dei protagonisti.
Con l’arrivo dei social network poi, questa piaga si è ingigantita e le ore che un tempo venivano spese in studio di registrazione tra un beat e l’altro sono state sostituite dal pensare video divertenti per Instagram.

Non è di certo questo il caso di Fibra che, a due anni di distanza da un progetto intimo come Squallor, è tornato con un nuovo album di inediti. Fenomeno, questo il titolo, è la mareggiata che si porta via tutta la ruggine. Una mareggiata che bonifica l’ambiente. Sì, perché il nuovo corso del rapper è sorprendente. Sembra banale dirlo, ma la maturità artistica finalmente raggiunta lo ha portato a realizzare dei testi incisivi e introspettivi.

Fabri Fibra è riuscito una volta per tutte a togliersi di dosso gli scheletri che da tempo tormentavano la sua esistenza. Con Fenomeno si è rivolto a tutte le persone che nel corso degli anni lo hanno fatto soffrire, come la madre e il fratello Nesli a cui vengono riservate parole crude e taglienti nei due capitoli finali Nessun aiuto e Ringrazio. Due brani forti e coraggiosi, da fitte allo stomaco, che hanno fatto uscire l’anima ferita di Fabrizio Tarducci.

Lasciando da parte gli sfoghi personali, che fanno gara a sé, il vero apice risiede nel brano Stavo pensando a te. Si tratta di un piccolo capolavoro come non se ne sentivano da anni. Un pezzo storto, prodotto da Big Fish, che riesce a scavare nel profondo e che ti si appiccica addosso. Mai come questa volta, Fibra ha saputo parlare in modo magistrale di dolorose mancanze riuscendo a emozionare senza risultare banale, come solo i grandi artisti e cantautori italiani sanno fare.

Fabri Fibra ha confermato di essere il numero uno nel suo campo. Il suo Fenomeno è un disco adulto che va interiorizzato per bene. Il rapper inoltre ha dato prova di non aver perso lo smalto da scultore di hit radiofoniche. Pamplona, brano che vanta la collaborazione dei Thegiornalisti, ha tutte le carte in regola per diventare la canzone dell’estate e dare il giusto risalto a un album che merita una esposizione mediatica maggiore di quella che ha avuto finora.

di Stefano Mazzone – foto di Sha Ribeiro

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI