Notizie

Gianna Nannini – Io e te

Gianna Nannini

Io e te

(Sony)

 

Iniziare (e dare) una nuova vita a 56 anni. Quello raggiunto da Gianna Nannini con Io e te è un traguardo particolarmente importante. Niente per lei sarà più come prima. Inevitabile agganciare il titolo e la maggior parte dei brani alla recente gravidanza. Ma è corretto fino a un certo punto visto che le canzoni, come Gianna stessa ha specificato, erano in realtà già pronte prima che scoprisse di essere incinta. Qualche riferimento a Penelope c’è, ma si tratta di pochi versi qua e là. Se si vuole cogliere la reale influenza della maternità su questo lavoro è nella dolcezza e nella serenità che lo pervade, che traspare prima di tutto nella voce della Nannini – Gianna aveva rinunciato ad alcol, sigarette e quant’altro potesse nuocere alla salute sua e della figlia. Io e te è un album forse meno immediato di altri ma nasconde non poche perle. Il primo singolo, Ogni tanto, ha una fortissima carica melodica – è la tipica Nannini degli ultimi anni – ma è solo uno dei molteplici colori che compongono l’al- bum. Così come il rock, con brani come Perché, Mi ami e Rock 2 che restano la farcitura di un sandwich in cui le fette di pane sono chitarre acustiche, pianoforte e archi. Vale la pena sottolineare anche gli esperimenti più bizzarri, come l’elettronicamente dopata Scusa o la versione hard rock di Nel blu dipinto di blu. Per non parlare del capolavoro Com’era, dove malinconia ed energia, tradizione e avanguardia, canto melodico e rock si fondono con una classe che appartiene solo alle grandi. Quale Gianna è.

 

Commenti

Commenti

Condivisioni