Notizie

MGMT – Congratulations

MGMT

Congratulations

Sony Music

Li aspettavamo al varco, com’è naturale che sia per una band che ha sfornato un disco d’esordio stra-acclamato e stra-venduto come Oracular Spectacular (2008). Ben Goldwasser e Andrew VanWyngarden, gli MGMT, dovevano chiarire al mondo un dubbio: artisti veri o impostori? Ebbene, Congratulations dimostra che il duo newyorkese ha cuore, cervello e palle, qualità decisive per chi punta allo status di artista. Cuore perché spogliando il nuovo album di tutti i fronzoli sonori restano le canzoni; magari un filo meno immediate rispetto al passato, ma comunque solide e ispirate. Cervello perché hanno entrambi capito che i singoli-pronti-per-il-remix, modello Electric Feel (con relativo intervento di Justice) pagano nel breve ma non nel lungo periodo. Palle perché hanno avuto la sfrontatezza di tirare dritto, continuando a proporre una formula musicale che, reinterpretando la psichedelia anni Sessanta e Settanta, si espone a facili critiche. Del tipo: i soliti copioni. Ma Ben e Andrew non si sono limitati a ripetere una lezione imparata molto bene. Hanno in qualche modo rinnovato una certa cultura musicale, arricchendola di suoni, immagini, atmosfere. Qual’era il dubbio?

Gianni Olfeni

Commenti

Commenti

Condivisioni