5 cose da sapere sul nuovo album dei Muse

muse drones cose da sapere

Il settimo album dei Muse, in uscita l’8 giugno, è una questione di cerchi che si chiudono. Quello della trama di Drones (una vera e propria storia raccontata attraverso 12 tracce) e quello dell’approccio della band stessa, che decide di ridurre le sperimentazioni e di tornare a suonare come a inizio carriera: basso, chitarra e batteria.

D’altronde le limitazioni che una band di soli tre elementi può comportare non si sono mai sentite nemmeno ai tempi dei primi vagiti: la bravura di Matthew, Chris e Dominic unita a saggi espedienti (tipo l’utilizzo del basso distorto che spesso sostituisce la chitarra ritmica) hanno da sempre trasformato un possibile problema (il ridotto numero di strumenti) nella loro forza (il muro di suono innalzato dai Muse sia in studio che live è di una potenza inaudita).

Per quanto riguarda l’idea di un concept album non c’è da stupirsi: l’inclinazione a scrivere testi impegnati c’è sempre stata. Basta scorrere i titoli degli album precedenti o realizzare che la pagina Wikipedia a loro dedicata ospita una sezione che riassume una serie di libri che hanno influenzato i loro testi. Ma sono almeno cinque le cose che dovete sapere sul nuovo disco dei Muse.

1 – È un concept album
In un futuro forse neanche tanto lontano sarà possibile compiere omicidi stando comodamente seduti sul divano di casa propria. Gli uomini con il mantello controlleranno il sistema e ci trasformeranno in robot: entità non più umane, che eseguiranno ordini senza provare alcun tipo di emozione. Prendendo spunto da una tecnologia quantomai attuale (il mercato degli aeromobili a pilotaggio remoto per uso professionale – ma anche ricreativo – è in continua crescita nonostante permangano diversi buchi nella regolamentazione) i Muse descrivono uno scenario drammatico, distopico e cospirazionista. Il tema viene trattato in maniera cruda: se escludiamo qualche sporadica apparizione di termini audaci, si percepisce la chiara intenzione della band di comunicare il concetto in modo esplicito. Tra scienza e fantascienza, il disegno di Bellamy e soci affronta la questione (di chiara ispirazione Orwelliana) del lavaggio del cervello in un concept album dai contenuti che seducono e disturbano.

2 – L’inizio è la fine
Il singolo Dead Inside funge al contempo da premessa e risoluzione: è il grido d’aiuto del robot addomesticato, che in un momento di lucidità si accorge di essere diventato a sua volta un “controllore”, capace di mentire e uccidere per reclutare altri seguaci. Il discorso militare che fa da preambolo a Psycho introduce così un flashback: la promessa del sergente di trasformare la cavia in un killer spietato. L’attimo del rapimento è fotografato dalla successiva Mercy, mentre Reapers si concentra sulla figura dell’oppressore. Da The Handler in poi entra in gioco la speranza: il prigioniero cerca una via d’uscita nell’umanità e il toccante discorso di John F. Kennedy termina con la frase «L’uomo sarà quello che è nato per essere: libero e indipendente». A questo punto il sentimento di speranza si tramuta in ribellione con Revolt, mentre la trilogia finale profuma di resa – anche se qui gioca un ruolo fondamentale l’interpretazione personale.

3 – Va ascoltato tutto, senza interruzioni
Drones dà il meglio di sé quando viene ascoltato dall’inizio alla fine – una pratica che in tempi di streaming pare riservata esclusivamente ai nostalgici e a coloro che hanno voglia di impegnarsi seriamente, magari mettendo lo smartphone in modalità aerea e disattivando il wi-fi. E non ci riferiamo solamente ai testi: qui risulta davvero difficile scorporare un brano dagli altri. Prese singolarmente le canzoni rendono la metà. Quindi se volete gustarvelo in tutto il suo splendore fatevi un favore: l’8 giugno riservate un’ora del vostro tempo all’ascolto di Drones senza skip, repeat o shuffle.

4 – Promessa mantenuta
I Muse lo avevano dichiarato fin dall’inizio: l’intenzione era di “tornare indietro”, ossia scrivere senza tanti fronzoli (magari con un uso parsimonioso di sintetizzatori ed evitando di lasciarsi prendere la mano con sperimentazioni varie). La promessa è stata mantenuta. Se nel precedente The 2nd Law non avevano considerato barriere stilistiche lasciandosi infatuare dalla dubstep (basti pensare che in una traccia c’era addirittura lo zampino del trio elettronico britannico Nero in fase di produzione), qui di pezzi che tentano strade non riconducibili al rock non ce ne sono. Ma questo non vuol dire che il disco suoni piatto, anzi. Si passa dall’incedere funky di Dead Inside alle terzine distorte di Psycho, dal riff di piano (che fa un po’ Starlight) di Mercy al sublime hard-rock della mutevole Reapers. In The Handler c’è spazio per un po’ di tapping e un raddoppio di tempo, Defector conta su un’apertura finale da film, Aftermath è una ballad che si colloca a metà tra inno nazionale e pubblicità natalizia della Coca Cola (che detto così potrebbe sembrare cheap, ma non lo è: fidatevi). La title-track che chiude l’album è a tutti gli effetti una a cappella. E poi c’è The Globalist

5 – The Globalist è il pezzo migliore del disco
Sia chiaro, i gusti sono gusti e non si discutono. Ma The Globalist – traccia numero 11 e climax dell’album – è una di quelle canzoni capaci di farti sobbalzare sulla sedia fin dal primo ascolto (e che sai già che riascolterai un numero indefinito di volte senza stancarti). Doveva essere lo strombazzato seguito di Citizen Erased (parole di Matthew Bellamy), e in parte lo è: l’atmosfera che si respira è la stessa del pezzone tratto da Origin Of Symmetry, uno dei brani più amati dai fan dei Muse. Comincia con un taglio a la Morricone, si trascina lenta fino a un countdown che la fa esplodere in qualcosa di epico, poi si chiude in un’intima parte di piano e voce. La struttura “a capitoli” ricorda Bohemian Rhapsody, e anche se i paragoni con l’inno dei Queen sono sempre e comunque fuori luogo, qui i brividi sono assicurati.

Muse drones cover

Drones

Canzoni
Dead Inside Durata: 04:22 Riproduci Acquista dall'album: Drones
[Drill Sergeant] Durata: 00:21 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Psycho Durata: 05:16 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Mercy Durata: 03:51 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Reapers Durata: 05:59 Riproduci Acquista dall'album: Drones
The Handler Durata: 04:33 Riproduci Acquista dall'album: Drones
[JFK] Durata: 00:54 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Defector Durata: 04:33 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Revolt Durata: 04:05 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Aftermath Durata: 05:47 Riproduci Acquista dall'album: Drones
The Globalist Durata: 10:07 Riproduci Acquista dall'album: Drones
Drones Durata: 02:49 Riproduci Acquista dall'album: Drones

Commenti

Commenti

Condivisioni