Notizie

Nesli Voglio Nesliving volume 3

Recensione Nesli Voglio Nesliving volume 3Nesli

Voglio – Nesliving volume 3

(Carosello Records) 

Fresco di ingresso nella scuderia di artisti della Carosello Records, Francesco Tarducci, in arte Nesli, presenta il nuovo capitolo della saga Nesliving. A tre anni da Fragile – Nesliving volume 2 (e a due da L’amore è qui, quinto disco della sua carriera), il rapper torna sotto le luci della ribalta forte del tributo di Tiziano Ferro, che ha voluto inserire nel suo ultimo album la cover di La fine. Voglio – Nesliving volume 3 vede l’artista marchigiano continuare la sua riflessione sui grandi temi della vita e sui sentimenti, attraverso il racconto di esperienze passate, fino ai ricordi dell’infanzia. Tutto l’album è immerso in un’atmosfera molto più pop che hip hop.

Il nuovo lavoro è anticipato dal singolo Perdo via: accompagnato da una linea melodica di pianoforte e con inserti quasi dance, il pezzo ben rappresenta il mood del disco, a metà tra nostalgico e giocoso. All’insegna dei ricordi dell’infanzia e dell’autoanalisi, Solamente un incubo e Respiro continuano sulla scia malinconica che connota la prima parte del disco. Ti sposerò segna il cambio di passo, aumentando ritmo e umore: un segnale di amore e speranza spinto da una base elettronica e da una batteria a tratti rock; seguono la stessa direzione Voglio, title track all’insegna dell’entusiasmo e Se puoi (uno dei pezzi più riusciti di tutto l’album). Chiudono il lavoro gli echi anni ’80 di Voce e le riflessioni finali di Guarda l’amore cosa fa, vero e proprio inno al sentimento più antico del mondo. Con ormai oltre dieci anni di carriera alle spalle, Nesli con questo album si distacca sempre più dall’etichetta di ‘fratello di Fabri Fibra‘, confermandosi personaggio di rilievo del mondo rap e pop, grazie al suo stile personale, a metà tra cantautorale e hip hop.

Commenti

Commenti

Condivisioni