Onstage

The Darkness Hot Cakes

The Darkness Hot CakesThe Darkness
Hot Cakes
Wind Up Records

A sette anni dalla pubblicazione di One Way Ticket To Hell And Back fanno il loro ritorno i Darkness, nome che fece sobbalzare i puristi dell’hard rock con due dischi carichi di hit irresistibili come I Believe In A Thing Called Love e Christmas Time (Don’t Let The Bells End). Gli inglesi si sciolsero poco dopo, nel 2006, a causa dei problemi di droga del frontman Justin Hawkins. Tralasciando il mero lato economico di questa reunion, eccoci di fronte a Hot Cakes, produzione studiata nei minimi dettagli con l’intento di riavvicinare i vecchi fan alla band. Un’impresa ardua ma vissuta dai musicisti con la solita dose di entusiasmo, stato d’animo che da sempre li contraddistingue. I brani contenuti nel disco sono una sorta di compromesso tra il lato più sgraziato (vedi l’esordio Permission To Land) e quello più “pettinato” (One Way Ticket To Hell And Back) del quartetto britannico, abilissimo nello sfornare singoli radiofonici ma ancora troppo ancorato stilisticamente al periodo che li consacrò star internazionali. Un disco alla Darkness insomma, come si può facilmente intuire dalle note di With A Woman e Living Every Day Blind, brani chiassosi ed efficaci al tempo stesso. Adesso per Justin e compagni arriva il momento più atteso, ossia il ritorno onstage per affrontare platee incuriosite da questo nuova fase della loro carriera. Del resto come restare indifferenti alla stranissima accoppiata Lady Gaga/Darkness protagonista sui palchi europei in autunno?

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI