I Tiromancino sono ancora tra noi, con il loro talento tormentato e le loro suggestioni

tiromancino-nel-respiro-del-mondo

Quella dei Tiromancino è una delle storie più frastagliate dei nostri ultimi venti-venticinque anni di pop, e ha più volte mostrato quanto diretta possa essere, in certe vicende musicali, la corrispondenza tra la vita vissuta e quel che finisce sui solchi.
Ognuna delle opere partorite dallo storico moniker capitolino ha infatti riflettuto fedelmente gli stati d’animo e le fasi del momento della vita del suo indiscusso leader, l’oggi quasi quarantottenne Federico Zampaglione.
L’esplosione quanto la consacrazione, le difficoltà quanto il recente equilibrio ritrovato: piacciano o meno, tutto racconta di questa viscerale corrispondenza, nei dieci dischi dei Tiromancino che hanno preceduto questo Nel respiro del mondo. Ciononostante, stavolta l’attesa era particolare.

tiromancino-nel-respiro-del-mondoDa un lato, come detto, la produzione recente della band mostrava un equilibrio nuovo e un senso di “pacificazione” che appariva naturalmente dettato dal ritorno alla base di una forza autoriale come quella di Francesco Zampaglione, avvenuta nell’ultimo Indagine su un sentimento, nel recensire il quale, giusto due anni fa, celebravamo proprio questa alchimia ritrovata.
Dall’altro, nel settembre scorso il burrascoso nuovo addio di Francesco aveva lasciato il segno nel peggiore dei modi: stridente, sgradevole e condito di accuse e botta-e-risposta a distanza tra i due, mentre Federico, nell’introdurre la nuova uscita della band, non mancava di dichiarare: «Volete la verità? Credo sia complessivamente la cosa migliore che ho fatto fino a qui». Insomma, l’hype c’era tutto: quindi, che disco è Nel respiro del mondo?

Cominciamo col dire che forse stavolta Federico ha volato alto, perché i fasti di La descrizione di un attimo o di In continuo movimento sono lontani: la collocazione più realistica di questi dieci bei brani rotondi e raffinati è quella più ovvia, ossia il solco del pop adulto e autoreferenziale delle ultime fatiche.
In Nel respiro del mondo c’è un lavoro di ricerca sonora come sempre curatissimo, sempre al servizio della canzone (un merito mai abbastanza riconosciuto alla band) eppure riconoscibilissimo; ci sono armonie delicate e impressionismi marittimi evocati tanto nei suoni quanto nei testi delle quattro canzoni che, più del singolo Piccoli miracoli, ne sono il fulcro: le conclusive Mare aperto, Il linguaggio segreto dei pesci, la sognante Onda che vai e Non dipende da noi. Non faticherete a lasciarvi scappare un sorriso intenerito e, perché no, anche sorpreso di fronte al canto toccante di un Federico in una delle sue interpretazioni migliori di sempre, con quella voce un po’ arrochita eppure ancora incapace di resistere di fronte allo slancio lirico di una buona melodia.

Quanto infine alle cose che invece non troverete, sono due. Una è la difficoltà che la nuova fuoriuscita di Francesco avrebbe potuto generare nel processo creativo: i brani scorrono con grande naturalezza, forti di strutture formalmente impeccabili e di suoni che, s’è già detto, che accarezzano l’orecchio come ai bei tempi. L’altra cosa che non troverete è il pezzo che faccia gridare al miracolo: L’ultimo treno della notte e le già citate Il linguaggio segreto dei pesci e (soprattutto) Mare aperto ci vanno vicine, ma – al netto di episodi invece meno significativi come Tra di noi e passi falsi come Imprevedibile – stavolta il consueto approccio semplice e visuale dei testi di Federico riesce solo sporadicamente – e non sempre per la durata di un’intera canzone – a cogliere nel segno senza apparire qua e là soccorso dal mestiere.

Insomma, non sarà “la cosa migliore” fatta finora, ma i Tiromancino sono ancora tra noi, il loro talento tormentato e le loro suggestioni.

Nel respiro del mondo

Canzoni
Piccoli miracoli Durata: 03:3 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Tra di noi Durata: 03:08 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Molo 4 Durata: 04:35 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Imprevedibile Durata: 03:33 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
L'ultimo treno della notte Durata: 03:08 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Come musica per sempre Durata: 03:22 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Mare aperto Durata: 04:43 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Il linguaggio segreto dei pesci Durata: 04: Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Onda che vai Durata: 03:21 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo
Non dipende da noi Durata: 03:31 Riproduci Acquista dall'album: Nel respiro del mondo

Commenti

Commenti