Notizie

La scaletta dei Radiohead a Udine, 26 settembre 2012

I Radiohead hanno chiuso il loro mini tour italiano con il concerto di Udine, in cui hanno proposto una scaletta di 24 brani, scegliendo Idioteque come brano finale. Anche questa volta, Thom Yorke e compagni non si sono risparmiati, regalando un set che verrà ricordato a lungo.

Scaletta Radiohead UdineUdine, Villa Manin, 26 settembre 2012. Aspettate, sudate, rinviate. Le quattro date dei Radiohead in Italia sono state un evento che difficilmente ci scorderemo. Sia per l’odissea che le ha accompagnate, sia per la qualità dello spettacolo di Thom Yorke e compagni: d’impatto la scenografia, sontuosa la presenza scenica del frontman e la qualità degli altri musicisti. Un quadro che brilla sui colori dipinti dalle canzoni (24 in scaletta) che la band propone nell’ultimo appuntamento italiano del 2012. L’attacco è affidato, come a Bologna (evento raro che i Radiohead inizino due date consecutive con la stessa canzone) a Lotus Flower, il singolo scelto dalla band per lanciare il nuovo lavoro The King Of Limbs. Thom e compagni tengono molto a questo nuovo lavoro e infatti, durante la serata, suonano altre quattro tracce del disco, come Bloom, Morning Mr. Magpie, Feral e Give Up the Ghost. C’è anche The Daily Mail uscita come singolo dopo la release dell’album. Quest’ultima canzone in Italia ha avuto un sapore particolare, perché Yorke l’ha dedicata a Silvio Berlusconi: «Quindi vuole candidarsi di nuovo? Ma c’e’ bisogno di facce nuove!», ha detto l’artista raccogliendo l’applauso dei 10 mila fan di Udine. Molti anche i classici che i Radiohead hanno suonato, come Paranoid Android e Idioteque, brano che ha chiuso il live.

La scaletta dei Radiohead a Udine

Lotus Flower
Airbag
Bloom
The Daily Mail
Myxomatosis
The Gloaming
Separator
Climbing Up the Walls
Pyramid Song
Nude
Weird Fishes/Arpeggi
Reckoner
There There
The National Anthem
Feral
Paranoid Android

How to Disappear Completely
Planet Telex
Staircase
Morning Mr. Magpie
Street Spirit (Fade Out)

Give Up the Ghost
Everything In Its Right Place (con Small Axe di Bob Marley’s nell’intro)
Idioteque

Commenti

Commenti

Condivisioni