Speciali

10 canzoni che ascoltavamo nell’estate 2006

10-canzoni-estate-2006

Nel 2006 l’Italia del calcio saliva sul tetto del mondo vincendo i Campionati mondiali di Germania. Era il 9 luglio e nelle strade risuonava quel “poooo poroppo po po pooo”, con cori da stadio e bandiere tricolore a sventolare nelle caldi notti del 2006. Un anno che va ricordato per vari eventi, tra cui la morte di Oriana Fallaci, il colpo alla mafia inferto dallo Stato con l’arresto del Boss Bernardo Provenzano, la nascita di Twitter e la fondazione di WikiLeaks, che farà tremare i governi di tutto il pianeta.

Sul fronte musica, sono tante le canzoni che hanno animato la bella stagione di questo anno così speciale. Dai ritmi caraibici e più hot d’oltreoceano a quelli più duri del rock italiano ed europeo: ecco 10 brani che ascoltavamo durante l’estate di dieci anni fa.

Sergio Mendes feat. The Black Eyed Peas – Mas Que Nada
Nuova veste per un brano nato negli anni Sessanta. A metterci lo zampino sono gli scatenati Black Eyed Peas, capaci di arricchire il piatto musicale con un pizzico di pepe, restituendoci un brano (un grande classico della bossa nova del cantautore e pianista brasiliano Sergio Mendes) decisamente più moderno e accattivante.

Bob Sinclar feat. Steve Edwards – World, Hold On (Children Of The Sky)
Riascoltando questa hit targata estate 2006 sembra di sentire il rumore del mare, il calore della sabbia sotto i piedi e il sapore di un mojito rinfrescante. Bob Sinclair, dj francese dalle mille invenzioni e collaborazioni, firma l’ennesimo tormentone tutto da ballare, costringendoci a ricordare le nostre vecchie vacanze e, perché no, a sognarne di nuove.

Ligabue – Happy Hour
Il Liga, sempre più rock, dà appuntamento al bar con un happy hour speciale. La sua canzone per l’estate 2006, ironica e pungente, è tratta dall’album Nome e Cognome. Con questo brano, il rocker di Correggio vince il Festivalbar e invita tutti a riflettere sul senso della vita e del successo a tutti i costi.

Gnarls Barkley – Crazy
Che classe i Gnarls Barkley! “I remember when, I remember, I remember when I lost my mind”. Inizia così Crazy, successo del 2006 con cui Cee Lo Green e Danger Mouse scalano le classifiche di quasi tutto il mondo. La canzone si ispira a colonne sonore di film spaghetti western ed è accompagnato da un video (vincitore di diversi premi) le cui immagini fanno riferimento al tema della pazzia.

Negramaro – Nuvole e lenzuola
La band di Giuliano Sangiorgi regala ai propri fan un nuovo singolo carico di energia e di poesia. Tratto dall’album multiplatino Mentre tutto scorre, in Nuvole e lenzuola si respira un sound anni Sessanta con una ventata di sano rock moderno.

Gianna Nannini – Sei nell’anima
La regina del rock made in Italy torna con una ballad che balza subito in testa alla classifica dei brani più ascoltati, trasmessi e acquistati nel Belpaese. Si tratta di Sei nell’anima, una dichiarazione d’amore di rara bellezza, di quelle che fanno sospirare e che vorremmo ci fosse dedicata almeno una volta nella vita.

Justin Timberlake – Sexyback
Justin sensuale e provocante come non mai. Nel video di Sexy Back dà il meglio di sé, sia come performer, sia come maestro di seduzione, tra movimenti accattivanti e ammiccamenti che nulla lasciano all’immaginazione. Il brano ti entra nel sangue e scorre nelle vene, senza lasciare scampo. Coinvolgente.

U2 e Green Day – The Saints Are Coming
Memorabile duetto datato 2006. U2 e Green Day insieme, sulle note e, soprattutto, le parole di The Saints Are Coming, brano di un certo spessore, datato 1978, opera degli Skids. Questa cover nasce come gesto di solidarietà verso le persone colpite dall’uragano Katrina nel 2005. La prima strofa riprende il testo di The House Of The Rising Sun, canzone della tradizione folk americana.

Checco Zalone – Siamo una squadra fortissimi
La Nazionale italiana vince i Mondiali in Germania. E chi, meglio di Checco Zalone, poteva firmarne l’inno (non ufficiale, ma sicuramente più divertente)? Con Siamo una squadra fortissimi, il comico pugliese spiazza tutti e diventa protagonista assoluto dell’estate 2006. Con buona pace delle star americane, da Madonna a Hilary Duff.

Shakira – Hips Don’t Lie
Ancora ritmi latini e danza caliente per la bella e brava Shakira, capace di divertire e di far ballare anche i più pigri e imbranati. Nel 2006 tocca a Hips Don’t Lie, canzone realizzata in coppia con Wyclef Jean. Un successo raggiunto… a colpi di bacino.

Commenti

Commenti

Condivisioni