Speciali

Bruce Springsteen, con il nuovo album il Boss si prende la rivincita su se stesso

bruce-springsteen-chapter-verse-album
di Luca Garrò
Foto di Frank Stefanko

Per il suo 67esimo compleanno Bruce Springsteen si è regalato e ha regalato ai fan il nuovo album Chapter And Verse, un raccolta di diciotto tracce tra le quali si ritrovano anche cinque inediti. E trattandosi di una raccolta, il pensiero non può non correre a quando nel 1995, dopo più di vent’anni di carriera, Bruce diede alle stampe il suo primo Greatest Hits, che lasciò parzialmente delusi critica e fan.

Allora, le quattro canzoni nuove (erano quasi tutti vecchi brani risuonati per l’occasione) lo vedevano tornare in compagnia della storica E Street Band, ma non riuscirono nel miracolo di risollevare le sorti di un disco che inspiegabilmente non includeva brani tratti dai suoi primi due lavori e che, invece, tutti avevano sperato essere davvero definitivo e ricco di rarità. Va detto che quelli erano anni difficili per il Boss, molto criticato dopo le prime uscite discografiche del nuovo decennio e ritenuto forse incapace di raggiungere i fasti di un tempo. Nemmeno la vittoria di un Oscar, poi, era riuscita a scaldare i cuori della gente, tanto che Streets Of Philadelphia veniva considerato uno dei suoi pezzi peggiori da quasi tutti i suoi die hard fan. Insomma, iniziava a serpeggiare il sospetto che Springsteen stesse iniziando a imborghesirsi. A rimettere le cose a posto ci pensarono il colossale cofanetto Tracks, così pieno di chicche da saturare la voglia di inediti di chiunque, e la colossale reunion con la E Street Band – non per un progetto temporaneo ma per uno dei come back più esaltati della storia recente della musica popolare.

Dopo una serie continua di nuovi album e concerti dalla durata sempre più lunga, in cui la sua figura ha finito per avvicinarsi sempre più a quella degli dei della mitologia greca, a Springsteen mancava solo una cosa: quello di raccontarsi in prima persona. I libri su Springsteen, negli ultimi trent’anni, hanno saturato il mercato dell’editoria musicale, quindi solo una pubblicazione del diretto interessato poteva invertire un trend che, onestamente, sembrava giunto ad un binario morto. Bruce, però, ha voluto fare di più, e per la sua autobiografia Born To Run, in uscita il 27 settembre, ha compilato in prima persona un’ideale colonna sonora, Chapter And Verse. L’idea di una colonna sonora per un libro è qualcosa di forse non inedito, ma di davvero figo, soprattutto se pensiamo a quanti fantasmi possa aver rievocato un lavoro intimo come questo.

Quasi a voler chiudere un cerchio ideale iniziato proprio due decenni fa con la sua prima retrospettiva della carriera, Springsteen ha quindi ripreso in mano la propria vita, che mai come questa volta è impossibile dividere dalla propria arte, invertendo in qualche modo il processo di vent’anni prima: se là gli inediti chiudevano il disco e venivano riattualizzati dalla nuova E Street Band, qui le novità aprono le danze e lo fanno in modo spiazzante e sorprendente. Le prime due tracce, Baby I e You Can’t Judge A Book By The Cover risalgono ai tempi dei The Castiles, gruppo scolastico il cui repertorio era basato sullo stile musicale delle band inglesi che stavano cominciando ad affermarsi anche negli Stati Uniti: basta infatti un ascolto per comprendere l’impatto della british invasion di Beatles, Stones e Who sulle menti dei giovani Castiles. L’ascolto prosegue con He’s Guilty (The Judge Song) accreditata agli Still Mill, gruppo in cui militavano i futuri compagni di E Street Band Vini Lopez, Danny Federici e Steve Van Zandt.

Il suono inizia a definirsi via via che i brani scorrono ed è questa possibilità di rimettere insieme tasselli che ci mancavano che rende davvero prezioso Chapter And Verse, ancora più del valore artistico che, va detto, spesso è più che trascurabile. Discorso a parte per l’unico brano a nome Bruce Springsteen Band, Ballad Of Jesse James, piccolo gioiello che mischia sonorità della West Coast (Neil Young su tutti) a quelle dei Lynyrd Skynyrd o comunque di band sudiste dell’epoca: un mix che ai tempi doveva apparire quanto meno azzardato, visto le diatribe che vedevano coinvolti proprio due concezioni della vita così differenti. Quando finalmente giunge Henry Boy, incisa nel giugno del ’72, proprio pochi mesi prima del debutto, capisci che Bruce aveva finalmente trovato la strada che stava cercando: seppur ancora molto debitore del primo Dylan, quel ragazzo dalla voce roca e sofferta, aveva iniziato un percorso da storyteller che non è ancora giunto alla naturale conclusione.

Commenti

Commenti

Condivisioni