Speciali

La prima volta dei Pearl Jam a San Siro: aspettiamoci una serata magica

Pearl Jam San Siro

Tra i tanti appuntamenti imprescindibili della stagione live open-door, il concerto dei Pearl Jam a San Siro è probabilmente il più atteso. La più giovane band di classic rock debutta al Meazza il 20 giugno. L’attesa è alle stelle. (Foto di Danny Clinch)

C’è sempre una prima volta. Per tutti. Anche se ti chiami Pearl Jam. Quella che, secondo molti, è la più giovane band di classic rock (si parla di una band esplosa all’inizio degli anni Novanta), si esibirà a San Siro il 20 giugno. E sarà la prima volta per Eddie Vedder e compagni all’interno di un impianto che ha contribuito, per lo meno nel Vecchio Continente, a innalzare allo status di “leggenda vivente” della musica un personaggio come Bruce Springsteen, non certo uno qualsiasi.
 L’impatto emotivo che il Meazza può avere su consumate star internazionali è ancora oggi motivo d’interesse che, spesso, va oltre il concerto in quanto tale. Per approfondimenti a riguardo chiedere al già citato Boss, piuttosto che a due artisti come Robbie Williams e Jon Bon Jovi, rapiti entrambi dalla partecipazione del pubblico raccolto nello stadio più famoso d’Italia a tal punto dal non riuscire a completare alcune canzoni, per via della commozione, durante i loro ultimi show.

Non ci aspettiamo che Vedder pianga dall’emozione, ma piuttosto un concerto staordinario di una band che sul palco va sempre ben oltre l’ordinaria amministrazione. Oltretutto i Pearl Jam hanno dimostrato di essere tornati in piena forma, grazie a un anno, il 2013, che ha visto il loro ritorno nei negozi e sui palcoscenici americani. Lightning Bolt, decimo album in studio del quintetto, è un disco inaspettatamente energico e variegato, che ha rimesso al centro della loro proposta gli amplificatori settati a volume 11 (su 10 ovviamente) e un approccio più sanguigno.
 Mettiamoci anche che il palco è l’habitat naturale di Eddie e soci, amati dal pubblico soprattutto per le performance live parecchio generose. Tanto per fare un esempio, nel concerto del 6 dicembre scorso a Seattle, città che ha battezzato la nascita dei Pearl Jam nel 1990, la band ha messo in scaletta la bellezza di 37 (trentasette!) pezzi. Va bene che giocavano in casa, ma si tratta comunque di qualcosa di straordinario.

Con queste premesse e la tradizione di San Siro, è assolutamente lecito aspettarsi una serata magica, di quelle che rimangono nella memoria collettiva, anche dei musicisti. E se tutto andrà per il verso giusto, chissà che a Eddie non venga voglia di tornare nuovamente in Italia per un tour solista. In Portogallo c’è già una data fissata a luglio.


Pearl Jam – Pearl Jam: Lightning Bolt on MUZU.TV.

Commenti

Commenti

Condivisioni