Onstage

Renato Zero in tour con Amo, ecco tutti i concerti

Dopo quasi un mese di concerti tutti sold out al Palalottomatica di Roma, Renato Zero arriva nei palazzetti d’Italia con il suo nuovo disco Amo e la verve istrionica che da sempre lo contraddistingue. Ecco il calendario completo.

Concerti Renato Zero Tour 2013

Parlare di Renato Zero e di Amo, il nuovo disco uscito a marzo, e del relativo tour non significa solo parlare dell’amore che ispira le nuove canzoni.

Significa anche parlare di quell’amore attraverso una memoria che attraversa il tempo. Perché anzitutto Renato c’era. C’era quando i Settanta finivano e costringevano la realtà a svelarne gli equivoci. C’era coi suoi lustrini e le sue paillettes, che avevano da dire molto più di tanto impegno ostentato ma non altrettanto autentico. C’era quando sembrare un pagliaccio ai benpensanti che poi ha conquistato aveva un che di rivoluzionario, e quando la svendita della dignità ha superato a destra le sue provocazioni, portandolo per reazione a diventare qualcos’altro.

Poi, perché Renato c’è. Lo dice la sua Roma, che lo ama di un amore da sempre diverso da quello riservato ad altri figli non meno celebri. E il perché è palese se si osserva il suo personaggio: universale più di Venditti (e nella Capitale vuol dire molto), sanamente popolare com’era Gabriella Ferri e come mai sarà un Baglioni, bambino gentile come a Califano non è mai riuscito, istrione come Proietti, ironico e malinconico come Rascel. Renato c’è in quell’attenzione mai persa per un mondo di cose minuscole e di gente dimenticata, cantate assai prima o assai meglio dei vari Cristicchi o Vianello: che se lo fa Dylan o Springsteen ci si cala il cappello, ma da noi se non sei De André storcono il naso (quasi) tutti.

Infine, Renato ci sarà ancora: con la penna, perché Amo è un garbato collage di intenti solari e battaglieri di ostinato amore per il prossimo, il che dà un senso di speranza e continuità ancora prezioso. E soprattutto, Renato c’è stato negli ultimi mesi, con la voce e il cuore, sui palchi, che sono ancora il nucleo centrale della sua attività: per primo nella storia della musica leggera di casa nostra ha requisito per quasi un mese il Palalottomatica di Roma tra fine aprile e maggio e dopo la pausa estiva di prepara a fare altrettanto con i palazzetti di tutta Italia. Per far risuonare forte il suo Amo e condividerlo con vecchi sorcini e nuovi seguaci.

Altri articoli su questo concerto

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI