Video

Bruce Springsteen suona per due ore in un bar del New Jersey come se fosse in uno stadio

Bruce-Springsteen-suona per due ore in un bar del New Jersey

Quando non si hanno sue notizie (e in particolare notizie di suoi live) per più di un mese la cosa inizia a farsi preoccupante. Perché se c’è un artista che ha un bisogno quasi fisico di salire su un palco e suonare, quello è Bruce Springsteen.

E infatti nonostante sia in pausa dopo l’ultimo tour e probabilmente stia lavorando a un nuovo album, il rocker del New Jersey ha trovato il tempo per uscire di casa, fare due passi e infilarsi nel Wonder Bar di Asbury Park, storica cittadina del Jersey Shore dove Bruce ha iniziato la sua carriera tra fine anni Sessanta e inizi Settanta.

Non si tratta di nulla di nuovo, perché Springsteen ha sempre girato tranquillamente per la costa del New Jersey suonando tra un locale e l’altro anche negli anni Ottanta quando era già diventato una superstar internazionale. E così ha deciso di fare anche il 18 luglio, quando si è presentato al Wonder Bar dove si esibiva il suo amico di lunga data Joe Grushecky insieme alla band The Houserockers.

Dopo una ventina minuti di concerto, è salito sul palco anche Bruce, che si è divertito a suonare per circa due ore (chi lo conosce sa che di meno proprio non riesce) sia suoi brani sia cover del collega. Se vi siete mai chiesti perché Springsteen è tanto amato dai suoi fan, basta vedere i video: l’intensità che mette nel suonare e cantare davanti a poche decine di persone in un piccolo locale è la stessa di quando ne ha davanti decine di migliaia.

Naturalmente gli spettatori non hanno perso tempo e hanno filmato alcuni dei pezzi, anche se la scaletta (che potete leggere sotto) è talmente ricca di outtake e brani suonati raramente che qualunque fan di Springsteen pagherebbe per poterla sentire per intero.

Bruce Springsteen con Joe Grushecky and The Houserockers – Scaletta 18 luglio 2015, Wonder Bar, Asbury Park, NJ

Never Be Enough Time (di Joe Grushecky, dall’album American Babylon del 1995 prodotto da Springsteen)
Adam Raised a Cain
Darkness on the Edge of Town
Racing in the Street (’78)
Chain Smoking (di Joe Grushecky, dall’album American Babylon del 1995 prodotto da Springsteen)
Talking to the King (di Joe Grushecky, dall’album End of the Century del 1992)
Save My Love
Frankie Fell in Love
Atlantic City
Pumping Iron (di Joe Grushecky e Iron City Houserockers, dall’album Have A Good Time But Get Out Alive! del 1980)
Code of Silence (scritta insieme da Joe Grushecky e Bruce Springsteen)
Because the Night
The Promised Land
Pink Cadillac
Light of Day

Commenti

Commenti

Condivisioni