Video

Guns N’ Roses, il video della prima intervista dopo la reunion

guns-n-roses-intervista-reunion

Dopo mesi in cui non hanno avuto tempo che per i palchi, finalmente i Guns N’ Roses si sono concessi per un’intervista, la prima dopo la reunion. Ad avere l’agognato privilegio è stata un’emittente brasiliana, in vista dei concerti che il gruppo terrà in Sud America in autunno. Alla chiacchierata hanno partecipato però solo Axl Rose e Duff McKagan, che si sono prestati alle domande più svariate, da quelle (inevitabili) su come è nata e si è realizzata l’idea di tornare a suonare insieme a quelle più scottanti sull’assenza di Izzy Stradlin – Steve Adler si è unito al gruppo per qualche tappa del Not In This LifeTime Tour – e sul futuro di Axl come sostituto di Brian Johnson negli AC/DC.

Particolarmente interessante è il passaggio in cui Axl spiega come è realmente nata l’idea di rimettere insieme la line-up originale dei Guns, a partire dal ritrovare il feeling con Slash. «Diciamo che tutto nasce dall’organizzatore di Coachella Paul Tollet. Voleva fortemente riunire i vecchi Guns e a quel punto ho detto al mio management di mettermi in contatto con Slash». Ad un primo tentativo di contatto andato male, racconta Axl, ne è seguito un secondo. «Ad ottobre dell’anno scorso ci siamo visti per una cena a casa mia. E subito dopo sono uscito con Duff».

Riguardo al suo posto accanto ad Angus Young ha rassicurato i fan dei GN’R chiarendo che ha l’appoggio del gruppo e che, forte di questo, porterà avanti questo progetto: «Andrò avanti finchè Angus lo vorrà e finchè la cosa funzionerà. I Guns mi danno grande supporto e a me piace molto. È fantastico avere Angus come capo». Sull’ex compagno Stradlin invece si è detto davvero dispiaciuto di come sono andate le cose e ha rivelato di non vedere grandi possibilità affinchè le cose cambino: «Non so davvero cosa dire su Izzy. È come avere avere una conversazione e vedere un giorno che va in una direzione e il successivo da tutt’altra parte».

Commenti

Commenti

Condivisioni