Video

Bruce Springsteen, Chris Martin, David Gilmour e tanti altri: il mondo della musica omaggia Prince

prince-morte-tributi-concerti

Dopo i primi messaggi diffusi sui social dopo la morte di Prince, il mondo della musica continua a ricordare l’amico e collega rendendogli omaggio durante i concerti. Negli ultimi giorni in tanti hanno attinto al repertorio del genio di Minneapolis (ma non solo) per ricordarlo dal palco, da Bruce Springsteen ai Mumford & Sons, da Chris Martin a David Gilmour, passando per chi si è esibito al Coachella, come LCD Soundsystem e Sufjan Stevens.

Noel Gallagher invece ha scelto una canzone di quando suonava ancora con il fratello Liam: «Suonavo in una band una volta. Avevamo un disco che si chiamava Standing On The Shoulders Of Giants (sulle spalle dei giganti, ndr) e uno di questi giganti era Prince. Aiutatemi a rendere omaggio a questo grande uomo e cantate insieme a me Live Forever» ha detto per introdurre il pezzo. Chris Martin invece ha eseguito per la prima volta dal vivo Twisted Logic dei Coldplay, prima della cover di Raspberry Beret – entrambe suonate insieme ad una delle band della scuola di Santa Monica in cui si trovava per un evento di beneficenza.

Prince è stato trovato senza vita nella sua residenza di Minneapolis il 21 aprile e vige il massimo riserbo sulle cause della morte accertate con la autopsia, anche se alcune indiscrezioni parlano di una overdose da oppiacei una settimana prima della tragedia. L’ultimo a fornire qualche dettaglio ufficiale in più è stato il cognato, che durante il discorso funebre ha confermato che Prince ha lavorato quasi ininterrottamente per sei giorni di fila prima della sua scomparsa, quasi senza dormire. Il corpo del cantante è stato cremato dopo la cerimonia e la magione in cui abitava sarà presto trasformata in un museo.

Mumford & Sons

Bruce Springsteen

Chris Martin

David Gilmour

Noel Gallagher

LCD Soundsystem

Sufjan Stevens

Commenti

Commenti

Condivisioni