X Factor 2014

X Factor 2014 si presenta, ma alla conferenza stampa manca Morgan

foto-concerto-bluvertigo-roma-09-settembre-2014

Si è svolta la conferenza stampa di presentazione di X Factor 2014. L’edizione del talent però inizia col giallo: tra i giudici mancava Morgan, che non si è presentato alla conferenza. Foto di Roberto Panucci.

Riuscire a far parlare di sè anche quando si è assenti non è cosa da poco. Morgan ha convogliato su di sè i riflettori ancora una volta, durante la conferenza stampa di X Factor 8, quarta edizione prodotta da Sky del popolare talent show. Gli ospiti d’onore della giornata erano indubbiamente i giudici: Mika e i due nuovi Fedez e Victoria si sono presentati alla folta platea di giornalisti e addetti ai lavori, Cattelan ha fatto gli onori di casa insieme ai vertici di Sky e FreeMantle (produttori il programma). La prima puntata dell’edizione 2014 è prevista giovedì 18 settembre.

Programma, regolamento novità e anticipazioni su X Factor 2014.

Il direttore intrattenimento di Sky Andrea Scrosati si è affrettato a precisare come nessuno dei presenti fosse al corrente di dove si trovasse Morgan: “Magari Morgan in questo momento sta in un fantastico mondo”, la dichiarazione che ha fatto sorridere tutti i convenuti, più esplicita Victoria Cabello: “Morgan sta facendo un concerto dalle parti di Padova, è iniziato due giorni fa, sapete lui parla tra un pezzo e l’altro e si perde via”. Fedez ha invece imputato l’assenza di Castoldi al gruppo che è stato assegnato al cantante dei Bluvertigo: “Si vede che è contento del gruppo che gli è capitato!”
Tralasciando le frasi di facciata sulla volontà di produrre l’edizione migliore di sempre e anche un azzardato “Il nostro è il miglior X Factor di tutti, non lo diciamo noi ma è quanto ci riferiscono”, le vere novità risiedono nella puntata in più rispetto alla serie precedente e alla presenza di ospiti d’eccezione che hanno aiutato i giudici durante gli Home Visit. In particolare Victoria è stata affiancata da nientemeno che The Bloody Beetroots in quel di Londra, Fedez da Raphael Gualazzi a Milano, Mika da Elio nell’isola di Mozia (comune di Marsala), Morgan da Eugenio Finardi a Vienna.
Confermate anche le indiscrezioni della vigilia per quanto riguarda i gruppi assegnati ai giudici: a Victoria sono andate le Under 24 donne, a Fedez gli Under 24 uomini, a Mika gli Over 24 e a Morgan i Gruppi.

Il conduttore, Alessandro Cattelan, ha aperto il giro di dichiarazioni sottolineando l’importanza di X Factor in un momento di crisi discografica come quello attuale: “X Factor ha fatto ciò che una volta facevano i discografici, ovvero andare in giro a cercare i talenti. Lo abbiamo fatto con X Factor On The Road, girando in lungo e in largo l’Italia prima di iniziare le audizioni vere e proprie.”
Victoria Cabello si è detta felice di tornare a lavorare con la musica: “Se la ami non ti abbandona mai, la musica è vita. La cosa che più mi ha sorpreso di questo X Factor è, ora mi ammazzeranno per ciò che sto per dire, l’impianto sanremese che la trasmissione, è pazzesco quanto tutto sia complesso e organizzato. Per il resto posso dire di essere felice di essere parte di quest’avventura, non ho mai pianto tanto in vita mia come in questo periodo, spero di essere io per prima all’altezza delle mie ragazze.”
Fedez non ha girato intorno all’argomento delle perplessità sul suo conto che buona parte del pubblico potrebbe avere: “So benissimo che devo scrollarmi di dosso i pregiudizi, è normale che ci siano nei confronti di chi arriva da un percorso discografico nuovo e diverso rispetto al passato, il nuovo fa sempre paura. Anche io, lo ammetto, ho pianto parecchio e mi sono emozionato, non mi piace farlo e figuratevi davanti alle telecamere, ma è andata così”.
Mika, infine, ha raccontato di come questo nuovo gruppo di giudici funzioni: “C’è una grande energia positiva tra di noi, inizialmente ci siamo scontrati spesso, poi abbiamo imparato a lavorare insieme e a condividere questo percorso. Il livello dei partecipanti a quest’edizione è molto alto rispetto all’anno scorso, è stato davvero impegnativo selezionare chi proseguiva e chi doveva fermarsi. Non siamo stati cattivi, non siamo stati teneri o troppo buoni, semplicemente non siamo qui per prendere in giro i concorrenti ma per cercare di aiutarli, se ne vale la pena, nell’iniziare un percorso.”

Commenti

Commenti

Condivisioni