Onstage
dave grohl play documentario

Il nuovo documentario di Dave Grohl è un inno alla musica (e si può suonare con lui)

Le immagini di uno studio di registrazione ripreso dall’alto, in bianco e nero, e la voce fuori campo di Dave Grohl: inizia così questo regalo di Grohl ai musicisti di tutto il mondo: Dave non si ferma mai, è onnipresente in maniera costante sui nostri social, sulle piattaforme streaming, dentro i nostri stereo. Musica, film, spettacoli di ogni genere, l’ex batterista dei Nirvana è un artista completo che vanta una produttività inesauribile.

Come d’abitudine il cantante e leader dei Foo Fighters si rivolge ai suoi fan in maniera intima, colloquiale, ponendoli al suo stesso livello come se tra noi e lui ci fossero solo un paio di birre. “Per ogni musicista, giovane o vecchio che sia, uno studio musicale è come un parco dei divertimenti. Io mi sento come un bambino in un negozio di dolci. E nessun musicista si sentirà mai arrivato, completamente padrone del suo strumento. È come un puzzle infinito, una gara con te stesso, un bellissimo mistero”.

In questo agosto rovente Dave Grohl porta in dono un documentario/tutorial che racconta la passione per la musica intitolato Play, diretto dal regista Mark Monroe che già aveva collaborato per la realizzazione dei progetti Sound City e Sonic Highways. Le immagini del Join The Band Studio, una scuola musicale di Los Angeles, inquadrano Dave mentre va alla scoperta dei giovani studenti e delle motivazioni che li portano a desiderare di padroneggiare l’arte, nella speranza che in un futuro non lontano possa portarli sui palchi di tutto il mondo.

Le interviste ai ragazzi e quella del proprietario degli studi John Missenko introducono il vero tesoro del video: una jam strumentale di 25 minuti durante la quale Dave moltiplica se stesso in sei (e in alcuni punti sette) cloni suonando tutti gli strumenti coinvolti. Questa non è una nuova canzone dei Foo Fighters, bensì una traccia messa a disposizione di tutti i musicisti provetti per farsi le ossa, ed è disponibile in streaming e download gratuito in tutto il mondo. A questo indirizzo la canzone è a uso e consumo di chiunque voglia divertirsi a sostituire uno o più cloni di Dave: si possono scaricare le partiture e guardare o ascoltare le singole tracce degli strumenti coinvolti. Buon divertimento!

Daniele Corradi

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI