Onstage
the-xx-milano-2017

Gli XX superano la prova di Milano con tutto il loro timido splendore

Mediolanum Forum, Milano, 20 febbraio 2017. Musicalmente parlando il mio incontro con gli XX risale a giugno 2012, quando giovane e spensierata universitaria li vidi e soprattutto sentii (gratis!) sul palco del Traffic Free Festival di Torino. Introdotti da un magistrale set di James Blake, fu subito amore a prima vista. Non fui l’unica a cadere tra le loro braccia, dato che qualche mese dopo si esibirono a Milano in un Alcatraz sold out. Da lì, il trio londinese formato da Romy Madley Croft, Oliver Sim e Jamie xx cominciò la sua ascesa nei cuori e nelle playlist dei fan italiani. Tra colonne sonore di spot di cioccolatini, titoloni sui siti e l’affetto dei fan, proprio quando sembravano a un passo dall’essere sdoganati come gruppo mainstrean (perdonate l’ormai odioso termine, ma giusto per capirci) anche qui nel nostro Paese, i tre si fermarono per un po’, prendendosi ben cinque anni per lavorare a un nuovo album.

Una lunghissima attesa, che è stata però ripagata da I See You, il disco (terzo in studio) con il quale sembra essersi compiuto il passo definitivo. L’album della svolta e dell’apertura verso l’esterno, frutto di una gestazione itinerante, grazie alla quale gli XX hanno (almeno in parte) abbandonato il loro lato più introspettivo. Una sorta di primavera che ha portato i timidi Jamie, Oliver e Romy ha conquistare un sold out nel palazzetto più ambito d’Italia. Nei giorni che hanno preceduto il loro show al Forum di Milano è scattata una vera e propria “XX mania”. Riuscire a trovare un biglietto o trovare posto in lista accrediti risultava impresa impossibile, segno inequivocabile della centralità dell’evento nella stagione live al chiuso. Il clamore creato dall’arrivo dei tre a Milano – Fazio li ha addirittura definiti come “la perfetta forma di narrazione per gli eventi del nostro tempo” – è stato sorprendente persino per chi li apprezza. Siamo proprio sicuri che meritino tutta questa attenzione? E ancora, sapranno “gestire” uno spazio così grande come il Forum di Assago?

La risposta arriva lampante già alla fine della seconda canzone in scaletta, quando dopo aver suonato la nuova Say Something Loving e l’assodata Crystalized gli XX vengono travolti da un applauso che suona come una vera e propria ovazione. Non è semplice scatenare una reazione del genere senza usare il testosterone del rock e senza infilare la parola “amore” in ogni singolo ritornello. Ma quell’applauso è come una liberazione: l’inizio del concerto fuga ogni dubbio sulla capacità del trio di tenere un palco così importante. La formazione “piramidale”, con Jamie xx al centro e rialzato insieme alla sua consolle che sembra quasi un’astronave, Romy alla chitarra e Oliver al basso posti ai lati, funziona meglio di come ce l’aspettassimo.

L’intensità e la cura dei dettagli che emergono nel loro ultimo disco I See You è resa perfettamente dal vivo, con l’aiuto di una scenografia che trasforma in immagine la loro musica: una serie di prismi specchiati ruotano e rimbalzano tra loro giochi di luce colorata, che va dai toni più caldi dell’arancione fino a quelli più freddi del blu. Gli XX sono proprio questo: una band capace di dialogare con tutte le tonalità dell’animo umano. Merito della delicatezza di Romy che introduce Performance, canzone dell’ultimo album che per lei significa molto e che eseguirà in solitaria, sconfiggendo la timidezza e regalando un momento molto intenso. Merito della profondità sensuale della voce di Oliver, che con il suo timbro grave segna indelebilmente pezzi come A Violent Noise e Brave for Your. Merito infine dell’inconfondibile sound di Jamie xx, che con le sue mani fa accelerare i battiti cardiaci dei migliaia di presenti con brani come Fix You, Shelter e Loud Places. 

Non saranno virtuosi musicisti o cantanti perfetti, e anzi le sbavature durante il concerto non sono state poche, ma questi tre ragazzi sono in grado di creare un sound e una “narrazione” – per dirla con Fazio – capace di sfiorare corde emotive che neanche sapevate di avere. Per capirci: la loro bellezza sta anche nel saper rendere così credibilmente elegante anche To Good di quei tamarri di Drake e Rihanna, cover che in questo tour non manca praticamente mai.

Cari XX, sono felice di avervi ritrovato in tutto il vostro timido e fichissimo splendore, solo una cosa proprio non ve la perdono: neanche un’ora e mezzo di concerto è troppo poco, anche per voi.

Foto The XX Milano 2017 concerto 20 febbraio

Altri articoli su questo concerto

Laura Ritagliati

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI