Onstage

JoJo Siwa: «Stare sul palco, la condizione più bella di sempre»

Il 16 novembre uscirà il primo EP di JoJo Siwa, D.R.E.A.M. The Music.

La giovanissima star di YouTube, volto di punta di Nickelodeon e Super!, ha annunciato anche – attraverso il proprio canale – il suo primo tour, Nickelodeon’s JoJo Siwa D.R.E.A.M. The Tour, che farà tappa in 25 città del Nord America, tra cui Los Angeles, New York e Denver.

In Italia il nome di JoJo Siwa, probabilmente, non dirà molto al grande pubblico. JoJo può essere, a ragione, considerata di fatto una teen idol, grazie soprattutto alla sua massiccia presenza in tv. Chiedete ai vostri figli o ai giovanissimi: tra Nickelodeon (il brand di Viacom International Media Networks Italia per ragazzi e famiglie presente in esclusiva su Sky al canale 605) e Super! (Canale 47 DDT) gli speciali dedicati alla ragazzina che va matta per i fiocchi si sprecano (sarà protagonista sui due canali di diversi speciali natalizi) e non potrebbe essere altrimenti, considerando i numeri che JoJo registra su YouTube e sui social, merito di una carriera iniziata da giovanissima e sempre a cavallo tra piccolo schermo e musica, con la costante del web.

Il primo singolo risale al 2016. Si chiama Boomerang e negli USA ha portato a casa il disco di platino. Un grande traguardo, considerando che il pezzo porta la firma della stessa JoJo e che affronta un tema molto attuale soprattutto tra le nuove generazioni, quello del bullismo.

«Non era una canzone che volevo scrivere, ma una canzone che dovevo scrivere. – ci racconta JoJo, che incontriamo a Londra pochi giorni prima dell’annuncio del tour – Quando ero in terza elementare, c’era una ragazza a scuola. Tutti mi dicevano di non parlarle. Non capivo, ma l’unica cosa certa era che lei con me era sempre carina. Verso la fine dell’anno organizzarono un grande party a base di gelati, nel quale la quantità di gelati che avevi a disposizione dipendeva dai tuoi voti in matematica. Io devo ammettere che sono molto brava, per cui avevo accesso a tutto. Questa ragazza aveva voti molto bassi e se ne stava in un angolo da sola a piangere. Mi sono detta che non poteva andare bene una cosa così, quindi le ho portato tutti i miei gelati. Lì ho capito che qualcosa doveva cambiare».

«Sono stata anche io vittima di bullismo, soprattutto sui social media. – aggiunge poi JoJo -Io però so gestire gli insulti, non tutti ci riescono. Per questo per me è così importante parlare di questo tema».

Dopo Boomerang, sono arrivati altri singoli ma niente di eclatante come l’EP di prossima uscita. Eppure, per JoJo, non si tratta di un punto di arrivo, ma di una partenza.

«Il mio sogno non è mai cambiato, volevo essere una popstar e fare show televisivi e ora questa è la mia vita. Forse mi sono un po’ abituata a ciò che mi circonda, per me è normalità. – ci rivela – Il mio sogno, però, può diventare più grande. Se rilascio una canzone, dopo sogno di rilasciare un album. Se rilascio un album, sogno un tour. Se faccio un tour, sogno un tour mondiale. Dopo il tour mondiale, sogno un film. Spero solo che tutto continui a crescere».

Il tour, seppur non mondiale, è arrivato. Una grande soddisfazione per JoJo che ci confessa di amare la dimensione live («Amo stare sul palco, amo fare le prove! – commenta – Amo anche vedere la folla impazzire. Stare sul palco è la cosa migliore di sempre») e di ispirarsi soprattutto a due grandissime popstar, Lady Gaga, ma soprattutto Gwen Stefani.

Di sicuro, JoJo ha una mente fervida, mille talenti e tanta voglia di fare. Per chiosare, le chiediamo dove una ragazza di 15 anni trovi l’ispirazione per scrivere canzoni.

«Amo la musica e amo scrivere. – ci risponde – Ci sono un paio di autori che fanno parte del mio team, ma principalmente scrivo tutto io. Mi piace che tutte le mie canzoni portino un messaggio. Quando mi viene un’idea, di solito la butto giù. Dopo inizio a lavorarci. Il problema è che ho 5000 idee e, alla fine, lavoro sempre su tutto in ogni momento (ride, ndr)».

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI