Onstage
shinedown-firenze-rocks-2018-foto

Shinedown a Firenze Rocks 2018: “Il nostro momento migliore”

Gli Shinedown si sono esibiti il 16 giugno 2018 al Firenze Rocks, terzo giorno della kermesse toscana che vede come headliner gli Iron Maiden. Poco dopo lo show che la band ha tenuto sul palco del festival, di fronte a una schiera già nutrita di fan, abbiamo incontrato Barry Kerch, batterista della formazione, che ci ha raccontato qualche dettaglio sull’ultimo album Attention Attention, pubblicato lo scorso maggio, e sul perché possono essere considerati tra le realtà più importanti del panorama alternative modern rock internazionale.

Purtroppo in passato non abbiamo avuto la possibilità di esibirci spesso in Italia, e poter tornare in contesti come il Firenze Rocks ci fa decisamente ancora più piacere. Suonare di fronte a un gran numero di persone, che non conoscono tutte le nostre canzoni è un modo guadagnare parecchi fan, che magari passeranno a salutarci anche durante i nostri show da headliner il 26 e il 27 giugno a Milano e Ravenna. E soprattutto, ci divertiamo ancora come dei bambini”.

La trasformazione nel sound dei Nostri è evidente. Rispetto a The Sound of Madness, disco del 2008 che li ha fatti conoscere globalmente e che ancora era caratterizzato da sonorità decisamente aggressive, Attention Attention è la riprova della svolta definitiva verso sonorità molto più mainstream. Anzi, forse più che un’evoluzione, un percorso naturale di crescita. “Quando abbiamo composto The Sound of Madness, erano appena arrivati in formazione Zach Myers alla chitarra e Eric Bass al basso (quest’ultimo ha anche prodotto Attention Attention, ndr). Dire che fosse un periodo piuttosto turbolento, sia da un punto di vista personale che professionale, è un eufemismo. La nostra vita, con i suoi alti e bassi, si riflette da sempre nel nostro lavoro. Abbiamo sempre avuto l’urgenza di essere onesti con noi stessi, con la nostra musica e soprattutto con i nostri fan, cambiando pelle evitando però di snaturarci. Abbiamo fatto i conti con dipendenza e depressione, problemi finanziari, uscendone per fortuna indenni alla fine”.

E infatti, Attention Attention è un concept molto particolare, che descrive proprio queste lotte continue contro i propri demoni, e gli angoli più bui della propria mente. Avendo fatto pace con se stessi, gli Shinedown ora sono pronti a vivere il loro momento migliore. E Kerch rincara la dose: “Guardaci, siamo qui ad aprire un concerto degli Iron Maiden, davanti a migliaia di persone. Abbiamo appena pubblicato il nostro sesto disco, che sta riscuotendo consensi un po’ ovunque. Chissà che magari tra cinque anni non saremo noi gli headliner di qualche festival open air! Stiamo indubbiamente vivendo il nostro momento migliore di sempre”.

Chiara Borloni

Foto di Elena Di Vincenzo

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI