Onstage
coldplay-vasco-lavorare-meglio

Negli uffici italiani si ascoltano Coldplay e Vasco per lavorare meglio

L’Italia è il Paese europeo in cui si ascolta più musica al lavoro e il secondo (dopo gli USA) nel mondo: il dato è stato reso noto da Spotify e LinkedIn, che hanno condotto una ricerca dalla quale è anche emerso che i Coldplay e Vasco sono gli “artisti più appropriati da ascoltare quando si lavora”.

Più di tre quarti degli italiani lavoratori intervistati, un campione composto da circa 1000 persone, ha confermato che la musica li rende più produttivi, mentre per il 56% a beneficiarne è la motivazione con cui affrontano le questioni lavorative. Per il 52% aiuta a migliorare la creatività mentre per il 39% ha un effetto tranquillizzante. Ma, d’altra parte, spesso la musica è una necessità: con il diffondersi degli open space, mettersi le cuffie sulle orecchie è l’espediente più utilizzato per coprire i rumori e le voci dei colleghi.

Come detto, i più ascoltati negli uffici di casa nostra sono i Coldplay (per il 44% degli intervistati) e il Vasco nazionale (per il 33%), mentre sul terzo gradino del podio ritroviamo gli U2 (per il 31%). E infatti Viva La Vida è la canzone più gettonata (35%), seguita da Bohemian Rhapsody dei Queen (30%) e Another Brick In The Wall dei Pink Floyd (23%). Ritornando agli artisti, tra i favoriti ci sono anche Tiziano Ferro (30%) e Ed Sheeran (25%), mentre i più inappropriati sono Fedez (29%), J-Ax (28%), Fabri Fibra (26%), Guè Pequeno (20%) e Marracash (15%): ultimamente il rap è entrato di prepotenza nelle posizioni più alte delle classifiche, ma si conferma più adatto all’ascolto nel tempo libero piuttosto che durante l’attività lavorativa.

“Sappiamo bene quanto la musica sia importante, in particolare nei momenti legati all’attività lavorativa. Per questo abbiamo realizzato colonne sonore specifiche per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza, come Massima concentrazione, con sonorità vicine alla musica classica, o Lavorare con la musica, per chi preferisce un sottofondo più indie e alternativo”, ha spiegato Veronica Diquattro, Managing Director Southern And Eastern Europe di Spotify.

 

Redazione

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI