Onstage
dave-grohl-play

PLAY, in uscita a breve il nuovo progetto di Dave Grohl

Dave Grohl non si ferma mai. Il leader dei Foo Fighters pubblicherà a breve PLAY, mini documentario in due parti che mostra l’artista mentre registra un brano di 23 minuti di durata, suonando tutti e 7 gli strumenti necessari a inciderlo. Il 10 agosto 2018 PLAY sarà disponibile sulle piattaforme digitali, dal 28 settembre 2018 uscirà invece in vinile su Roswell/RCA Records.

Dave Grohl ha detto: “Guardare i miei bambini che iniziavano a suonare musica e imparavano a cantare o a suonare la batteria mi ha portato indietro nel tempo a quando avevo la loro età e ascoltavo i miei album, imparavo anzi ad ascoltarli. Quando poi ho portato i miei figli nelle scuole dove studiano musica ho visto queste stanze piene di bimbi che si impegnavano sul serio e mi sono emozionato. Anche io che sono un uomo di 49 anni mi sono reso conto di continuare a impegnarmi a imparare anche se non è una cosa che può esserti insegnata realmente. Ma si è sempre pronti alla prossima sfida e si prova sempre a trovare il modo di migliorare ciò che si è imparato”.

Il mini-doc è diviso in due parti e diretto da Grohl stesso insieme al suo collaboratore di SoundCity/Sonic Highways Mark Monroe. La prima parte inizia con il racconto del dietro le quinte dove si parla dell’amore per la musica e della passione infinita per uno strumento. Quindi la seconda parte mostra la registrazione dal vivo di un brano di 23 minuti: si parte con la batteria, suonata solo a memoria, e si prosegue con la chitarra, quindi il basso, le tastiere e così via. È la registrazione dal vivo di una vera e propria one-man-band. Dave Grohl si è prefissato di ricominciare da capo ogni volta che nel corso dei 23 minuti della canzone ci fosse il benché minimo errore oppure avesse soltanto la sensazione di poter suonare meglio. Ingegnere del suono per l’operazione è Darrell Thorp. Le riprese sono state effettuate in bianco e nero da Brandon Trost. PLAY è stato montato in modo da unire le 7 registrazioni di Grohl. L’esperienza online interattiva offrirà all’ascoltatore la possibilità di concentrarsi solo su uno strumento scaricandone gli spartiti. Sul sito del progetto si trova anche una lista di organizzazioni alle quali si possono donare tempo, soldi e strumenti per partecipare alla causa promossa da Grohl stesso: promuovere l’educazione musicale a livello mondiale. Il film è inframezzato dalle immagini di studenti della scuola di San Fernando Valley che suonano e si sforzano di farlo al meglio, perché come conclude Grohl: “La ricompensa, per qualsiasi bambino e per tutti, è solo SUONARE”.

foo-fighters-firenze-rocks-2018-foto

Redazione

Foto di Andrew Stuart

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI