Onstage
I-Days Milano 2017 biglietti record

Oltre 200.000 biglietti venduti per I-Days Milano 2017

Cresce l’attesa per I-Days Milano 2017, in programma al Parco di Monza dal 15 al 18 giugno e a distanza di qualche giorno dalla partenza ufficiale la soddisfazione degli organizzatori per essere riusciti a mettere insieme un appuntamento con artisti del calibro di Green Day, Radiohead, Justin Bieber, Linkin Park, Blink-182, Sum 41 e Rancid (solo per fare alcuni nomi) è già palpabile.

«Il cast è abbastanza eterogeneo», ha raccontato Corrado Rizzotto (boss di Indipendente Concerti) nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento che si è tenuta questa mattina alla Reggia di Monza, «e riteniamo che i prezzi dei biglietti siano giusti se non addirittura bassi se pensiamo ad esempio al costo della serata del sabato, con Sum 41 e Blink-182, e a quanto costerebbero i singoli concerti degli stessi artisti».

I-Days Milano 2017 – che tra l’altro ha anche ricevuto ufficialmente la certificazione dei sistemi di gestione sostenibile degli eventi secondo lo standard internazionale ISO 20121 – dovrà essere una festa, «vogliamo che sia una festa, lo spazio che vedete fa sì che ci saranno tutte le possibilità perché la gente stia bene e si diverta». E, ci ha rivelato Rizzotto, sono stati proprio i Radiohead, una band notoriamente molto sensibile sulle tematiche ambientali, a stimolare gli organizzatori con idee nuove: «Ci hanno chiesto loro di trovare spazi diversi, di verde in un contesto urbano».

Considerato il ricchissimo cast inevitabilmente l’affluenza attesa è quella delle grandi occasioni, con oltre 200mila biglietti venduti: «Ci aspettiamo 30mila persone per Green Day, 55-60mila per Radiohead, 80mila per la giornata di sabato e circa 40mila il giorno di Justin Bieber».

Visto che ci saranno così tante persone, alla luce degli eventi delle ultime settimane, sulla sicurezza è stata annunciata una maggiore attenzione. Per questo motivo gli organizzatori, anche considerando la durata dei concerti, hanno rinnovato l’invito a recarsi sul luogo dell’evento entro le ore 16, come già comunicato attraverso i canali ufficiali: «Visto che i concerti dureranno 5-7 ore a seconda della giornata, prevediamo che il pubblico arriverà presto, ma invitiamo comunque tutti ad arrivare entro le ore 16, per permettere gli accurati controlli di sicurezza da parte degli steward e delle forze dell’ordine, per alleviare e diminuire eventuali disagi».

Inoltre, ha precisato Rizzotto, «stiamo lavorando da mesi con Questura e Prefettura, vi posso dire che seguiremo tutte le indicazioni che ci verranno date. Le cose cambiano e purtroppo le cose accadono, io ripeto – come è già stato detto – che da anni c’è un’esperienza consolidata, che è andata migliorando grazie agli eventi che sono stati organizzati in questi anni (dal GP che si fa ogni anno, al Papa, al concerto di Ligabue l’anno scorso, allo stesso I-Days 2016). Aumenteremo gli steward per i controlli, che saranno effettuati con metal detector. Se ci saranno ulteriori aggiornamenti relativi ad altre misure li comunicheremo».

E se non ci si potrà recare a Monza per assistere ai concerti, ci si potrà comunque godere lo spettacolo grazie alla tramissione in streaming: «Ci saranno delle dirette in streaming dal sito di Indipendente, inoltre la manifestazione sarà seguita integralmente anche sui social. È una cosa che abbiamo voluto perché chi resterà a casa e per mille motivi non potrà partecipare avrà la possibilità di capire l’atmosfera di eventi di questo tipo».

Arianna Ascione

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI