Onstage
jovanotti-film-oh-vita-online

Jovanotti dà qualche anticipazione su come saranno i nuovi show

A poco meno di un mese dal via del tour nei palazzetti Jovanotti ha dato un nuovo aggiornamento su come sta procedendo la preparazione del nuovo show e su cosa ci si dovrà aspettare. Fin da subito Lorenzo ha messo in chiaro che anche questa nuova serie di date è stata pensata come una festa da vivere insieme ai fan – e come potrebbe essere altrimenti considerato l’imprinting dell’album che fin dal titolo è un inno alla vita – e anche nell’ultimo post ha ribadito di essere al lavoro per andare in questa direzione:

“L’esperienza deve essere totale, goduriosa, emozionante e liberatoria, una “celebration” e io questo ce l’ho in mente come un dogma, i concerti che piacciono a me sono quelli pazzeschi, quelli generosi, dove ci si sente parte di una immensa figata temporanea che poi allunga il suo raggio nei giorni che verranno” ha scritto. E allora, si capisce più a fondo la scelta di pensare i live, fin dal calendario, come una sorta di residency nelle città in cui passerà: 12 sere a Milano (un record), 9 a Firenze, 8 a Roma solo per nominare le più corpose.

Stando attento a non svelare nulla di particolare proprio per non rovinare la festa a chi andrà a vederlo, ha spiegato qual è il modo con cui approccia il dover portare sui palchi le sue canzoni, nuove o vecchie che siano. Un approccio che inizia anche otto mesi prima, per avere il tempo non solo di pensare a tutti gli aspetti, ma anche per realizzare tutti i materiali necessari per dare vita a quel che si è ideato. “Ogni volta che inizio un tour nuovo mi domando qual è il racconto da portare in scena, è una cosa che serve soprattutto a me, è un “ sottotesto” che emerge durante le primissime visioni di quello che sarà e poi di solito si rafforza. Per farvi un esempio, se la visione iniziale è una frase tipo “fiori ribelli sul ciglio delle statali splendono… mentre i camion vanno via” da quell’immagine può nascere di tutto, anche un intero spettacolo (è solo un esempio, perchè non vi dirò niente!)”.

Questi ultimi aggiornamenti non svelano nulla di preciso, ma rafforzano e sottolineano concetti che Jova ha voluto mettere in luce da quando ha cominciato a parlare del nuovo disco Oh, vita! e non fanno che accrescere la voglia di vederlo finalmente di nuovo dal vivo. Anche perchè, come dice in un altro passaggio del lungo post su Facebook, “un concerto ti deve cambiare la vita, sennò è solo intrattenimento, un prodotto di consumo… un concerto è molto di più, deve essere un’esperienza”.

Francesca Vuotto

Foto di Michele Lugaresi

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI