Onstage

Khalid, pubblicato il nuovo disco e l’omonimo corto Free Spirit

È disponibile su YouTube e Apple Music il cortometraggio Khalid: Free Spirit. Presentato in anteprima in alcuni cinema selezionati in tutto il mondo, il corto accompagna l’uscita del secondo attesissimo album del giovane prodigio del pop americano, Free Spirit, anticipato dai singoli Self, prodotto da Hit-Boy, Talk, prodotto dai Disclosure, My Bad, Better e Saturday Nights.

«Parlavamo dell’album e tutti mi dicevano: ok, è buono, ma dobbiamo far uscire qualche contenuto speciale, tipo un video. Free Spirit sembra un film in musica, quindi ho pensato: perché non trarne un vero film?», racconta Khalid a proposito dell’idea alla base della pellicola creata insieme al regista Emil Nava, già al lavoro con Jennifer Lopez, Ed Sheeran, Charlie Puth, Post Malone e molti altri).

Legato a doppio filo al nuovo album il film racconta il lato positivo e quello negativo del diventare adulti, riagganciandosi a una delle tematiche care a Khalid. In una mescolanza quasi surreale di realtà e finzione il girato racconta la storia di otto ragazzi, tra cui Khalid Donnel Robinson (questo il suo nome completo) e alcuni suoi amici, colti nel momento di passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Finita la scuola decidono di fuggire dall’asfissiante realtà di provincia in cui vivono, rubano un vecchio furgone – quello che ritroviamo sulla cover del disco – e partono per un viaggio alla scoperta di se stessi, in bilico sul delicato equilibrio tra l’eccitazione, l’ambizione, la durezza e le responsabilità dell’età adulta.

Libertà, felicità, identità, sono i temi forti attorno a cui ruota la storia di questi ragazzi, con al centro la relazione dei protagonisti Ladybug (Dizzy Fae, cantante R&B e ballerina) e Marcus (il modello Judah Lang). L’abbandono di quattro degli otto ragazzi e il rapporto di amicizia di Ladybug con Trey (l’attore Jahking Guillory), che farà ingelosire Marcus alla follia, porteranno le dinamiche interne al gruppo e ai singoli personaggi a un punto di non ritorno.

«Marcus simbolizza molti giovani uomini. È un ragazzo incasinato, si ficca in situazioni stupide, ma credo che il suo intento e il cuore che ha siano buoni, è soltanto perso. Si trova in quel momento in cui deve trovare non solo se stesso, ma anche un modo per far sopravvivere il rapporto con la sua famiglia. È in una situazione difficile, ma vuole essere una colonna per i suoi amici, li ama così tanto ed è spaventato a morte dall’idea di rimanere solo», spiega Khalid.

«Ladybug è molto diversa, lei è forte, indipendente, una che ottiene ciò che vuole, è intraprendente, è chiaro che Marcus è innamorato di lei, tutti lo sono – continua -. Sembra distaccata, ma alla fine ha così tanto amore da condividere, è veramente grata per i suoi amici ed è piena di sogni e aspirazioni. Qui la sfida per lei è trovare l’equilibrio tra il fatto di essere accettata in tutti i college e il desiderio di essere comunque ribelle insieme ai suoi amici. Ladybug cerca di compiacere tutti, dà e prende amore, è la migliore».

La storia di questi ragazzi traduce in immagini uno dei temi principali del nuovo disco Free Spirit. Sedici tracce, tra cui Don’t Pretend con SAFE e Hundred con John Mayer, più la bonus track Saturday Nights, che rimescolano le carte in gioco nel pop internazionale, unendo in maniera originale influenze synth pop, soul e R’n’B. «Quest’album rappresenta il culmine della mia crescita e dell’insieme delle esperienze che ho accumulato in questi ultimi due anni. Sono stato in studio e ho purificato il mio animo per creare dei lavori, che spero parlino ad ognuno e sono entusiasta all’idea di condividerli», confessa Khalid, che il 14 e il 21 aprile sarà tra i protagonisti del Coachella Festival in California, anteprima del tour americano al via il 20 giugno.

Già tra i numeri uno del pop, nonostante la giovane età, Khalid, classe ’98, è stato catapultato nell’Olimpo delle superstar internazionali subito dopo la fine delle superiori dall’incredibile successo del singolo Location, valsogli 4 dischi di platino negli US, l’oro in Italia, oltre 700 milioni di streams e 387 milioni di views. Risultato bissato con l’album di debutto American Teen, doppio platino in US, cinque nomination ai Grammy e numerosi awards tra cui gli American Music Awards, i Billboard Music Awards, i VMA e i Teen Choice Awards.

Alla fine dell’anno scorso, poi, risale la pubblicazione di Suncity, l’EP della definitiva consacrazione, con il singolo Better ha scalato tutte le charts in US e gli ottimi riscontri ottenuti dal remix di Saturday Nights ft. Kane Brown.

Tante anche le collaborazioni illustri già messe a segno da quello che è stato definito dalla critica come un “prodigio pop”: da Calvin Harris in Rollin con Future, a 1-800-273-8255 con Logic e Alessia Cara, da Silence con Marshmello, a Lovely con Billie Eilish, Youth con Shawn Mendes, Ocean con Martin Garrix e dal 26 di aprile sarà anche nella title track del nuovo disco di P!nk, Hurts 2B Human.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI