Onstage
Foto-concerto-liam-gallagher-milano-16-febbraio-2020

Il MiBACT attiva un tavolo permanente (anche) per il mondo della musica

Il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo nel governo Dario Franceschini, ha attivato un tavolo permanente per spettacolo e cinema. In particolare è prevista anche la sezione dello spettacolo dal vivo, tavolo in cui parteciperanno tra gli altri AFI, AGIS, AIDAP, ANEM, ANFOLS, Assolirica, ASSOMUSICA, ATIP, Bauli in piazza, CGIL,CISL, Cresco, Facciamo la conta, FAS, Federvivo, FEDITART, FEM, FIALS, FIME, FIMI, Italia live, La musica che gira, PMI, Squadralive, Scena Unita, UGL, UIL, UNITA.

Il presidente di Assomusica Vincenzo Spera ha così commentato la notizia dell’attivazione del tavolo permanente per lo spettacolo: “Siamo soddisfatti, lo chiedevamo da tempo: un tavolo permanente è quello che serve per cominciare a pensare seriamente al futuro. Bisogna programmare già adesso l’esperienza live del 2021 e degli anni a seguire. Apprezziamo questa scelta e ringraziamo il Ministro: siamo a disposizione degli operatori, dei colleghi e delle Istituzioni, nazionali e locali, e daremo il nostro contributo costruttivo, mettendo a fattor comune il nostro know how e le nostre professionalità“.

L’Annuario degli spettacoli di Siae ha segnalato una spesa del pubblico calata di 1,8 miliardi, prendendo a esame il primo semestre 2020 nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. L’attività concertistica ha sofferto più di tutti (-188 milioni). In termini percentuali, nessuno perde come i concerti: -86,7% la spesa del pubblico e -86,4% la spesa al botteghino. Spera prosegue: “Questi sono dati che si riferiscono ai primi sei mesi dell’anno, quindi al primo lockdown. I nostri associati, fino a ottobre, hanno perso il 95% e a fine anno arriveremo a -97%. Servono aiuti strutturali tarati sull’intero anno, come si è fatto altrove in Europa. I bandi spot di aiuto non bastano più”.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI