Onstage
pink-floyd-bologna-2019

In mostra a Bologna la storia dei Pink Floyd

Tra i musicisti e i fotografi a cui si affidano per l’espressione visiva della loro musica o la documentazione di un particolare momento della loro carriera si crea spesso un legame che diventa imprescindibile nel tempo, duraturo, che va oltre l’aspetto professionale sfociando nell’amicizia. Al punto che, a volte, diventa difficile pensare a come sarebbe andata la carriera di un artista se la sua arte non si fosse incontrata con il talento e la visionarietà di chi lo ha immortalato.

Vale anche per i Pink Floyd, la cui storia è saldamente intrecciata con l’estro di Storm Thorgerson, fotografo e graphic designer che con il suo studio Hypgnosis ha ideato alcune delle copertine più iconiche del gruppo.

Dal 26 settembre al 30 novembre alla galleria Ono Arte di Bologna si potrà ammirare una selezione dei lavori che ha realizzato proprio per la band, insieme agli scatti con cui altri suoi colleghi hanno immortalato i Pink Floyd: tra le 40 immagini che Pink Floyd: il lato oscuro mette in esposizione ci sono infatti anche quelle di Jill Furmanovsky e Colin Prime – che mostrano la band all’apice del successo – e le foto di Baron Wolman che raccontano il loro primo tour americano nel 1967.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI