Onstage
Rammstein Tour Italia 2016 concerti

I Rammstein hanno pubblicato il video del singolo che anticipa il nuovo disco

I Rammstein hanno svelato il loro nuovo video, del singolo Deutschland che anticipa il nuovo album.

La loro ultima fatica discografica verrà pubblicata il 17 maggio ma è ancora sconosciuto il titolo. La notizia di questo ritorno discografico è stata accompagnata da grande attesa, visto che arriva a 10 anni di distanza dalla precedente. E questo coming back to action è stato accompagnato anche da forti polemiche, nate subito dopo il lancio del teaser del video.
Nelle poche immagini condivise infatti si vedevano i frame in cui i membri del gruppo appaiono come dei condannati a morte per impiccagione, con cappio al collo, e vestiti con le divise a strisce e stella di David gialla come gli Ebrei rinchiusi nei campi di concentramento.

Visti i precedenti – i Rammstein sono stati più volte accusati di simpatie naziste – le immagini hanno scatenato immediate reazioni da più parti. Secondo quanto riportato da Il Giornale, l’ex presidentessa del Consiglio Generale Ebraico in Germania, Charlotte Knobloch ha dichiarato a Bild: “Con questo video la band ha oltrepassato la linea. La strumentalizzazione e trivializzazione dell’Olocausto, così come mostrato nelle immagini, è una cosa irresponsabile. I Rammstein abusano della sofferenza e dell’omicidio di milioni di persone per un divertimento frivolo e ripugnante”. E le ha fatto eco Felix Klein, commissario per l’antisemitismo del governo Merkel: “Credo che sia un utilizzo di cattivo gusto della libertà di espressione artistica”.

La band non ha rilasciato commenti al momento, ma potrebbe farlo nelle prossime ore (news in aggiornamento).

I Rammstein da maggio saranno poi in tour in tutta Europa – ma non passeranno dall’Italia -, come hanno sempre fatto negli ultimi dieci anni, nonostante non avessero nuovo materiale discografico da promuovere. Il chitarrista Richard Kruspe a Consequence Of Sound ha spiegato così l’album: “Penso che abbia un potenziale mai raggiunto dai Rammstein finora. Una delle ragioni che mi hanno spinto a tornare in studio è proprio l’esigenza di bilanciare la popolarità raggiunta in sede live con musica nuova. Quando si tratta dei Rammstein, la gente pensa subito ai fuochi d’artificio e tutto ciò che caratterizza i nostri show. Ho pensato ‘non voglio finire come i Kiss’, che le persone continuano a conoscere e riconoscere per via del trucco e non della loro musica”.

Redazione

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI