Onstage
Roma Summer Fest 2018 conferenza stampa

Roma Summer Fest 2018, la festa musicale di (e per) tutti

Il programma del Roma Summer Fest 2018 era già stato pubblicamente svelato ma alla conferenza stampa di presentazione del 4 aprile, tenutasi al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, si è respirata un’atmosfera di novità. Complice sicuramente la nuova dicitura della rassegna musicale dell’estate romana, che ha abbandonato il nome Luglio Suona Bene per includere il concetto di festa+festival, e si è ampliata fino a toccare i mesi di maggio (si apre con le due date degli Arctic Monkeys) e agosto (chiusura con la Bandabardò). Nel mezzo un cartellone ricchissimo con 35 concerti complessivi che spaziano dall’internazionale all’italiano alla musica popolare, nel nome dell’eterogeneità per tutti.

È stata la sindaca di Roma Virginia Raggi a presentare le primissime novità del Roma Summer Fest: intanto la possibilità dei concerti in piedi, debutto assoluto alla Cavea dell’Auditorium visti i precedenti, con 9 concerti che disporranno dello “spazio stand up” invece che delle solite sedie. I live interessati saranno quelli degli Arctic Monkeys (entrambe le date), Noel Gallagher, Bandabardò, Snarky Puppy, Steven Tyler, Alanis Morissette, Franz Ferdinand + Mogwai e Hollywood Vampires. Questi ultimi, nelle persone di Joe Perry e Johnny Depp, hanno anche inviato un videosaluto ai fan italiani per invitarli al loro concerto, in programma l’8 luglio.

Ospite speciale della mattinata è stato il cantautore Luca Barbarossa, in cartellone il 29 giugno con il concerto del tour Roma è de tutti: “Quest’estate presento a Roma questo progetto sulla città e sulle vicende umane che si intrecciano. Nessuno è più romano di chi ce se sente, come canto in un pezzo di questo disco. Abbiamo bisogno di un po’ di amore, di responsabilità, che la città non sia solo teatro di scontri politici” ha spiegato Luca Barbarossa. “C’è bisogno di tutti, è un tentativo di creare condivisione. Roma è il posto più ricco di tutti, di gente, di capitale umano, di idee, e io sono molto fiero della nostra città e di far parte di questo progetto” ha concluso il cantautore romano, prima di regalare una piccola esibizione live al pubblico dei giornalisti e addetti ai lavori presenti al Teatro Studio.

L’ambizione del Roma Summer Fest è quella di diventare una manifestazione internazionale, richiamando da fuori Capitale moltissimi appassionati dei più vari generi. Per questo la scelta di jazz e classica, già principali generi in scena nelle sale della struttura, ampliate da pop, rock, blues selezionati tra i migliori act internazionali. Una scelta che vuole sottolineare anche la particolarità della città: a Roma, ha spiegato il Presidente della Camera di Commercio locale Lorenzo Tagliavanti, il prodotto dell’offerta culturale è del 10%, uno dei pochi a doppia cifra in Italia. Segno che “con la cultura a Roma si mangia”, quindi bisogna puntare sulla qualità di ciò che viene servito a tavola. A dare una mano a questo banchetto culturale ci sarà anche Trenitalia, che in qualità di partner della manifestazione permette di acquistare i biglietti dei treni (Intercity, Frecciarossa, Frecciabianca e Frecciargento) con il 30% di sconto per recarsi a Roma ai concerti del Summer Fest. I soci Cartafreccia avranno anche la possibilità di comprare i biglietti per i concerti con uno sconto speciale riservato; tutti i dettagli delle offerte sono disponibili sul sito di Trenitalia e dell’Auditorium.

Non mancherà nemmeno quest’anno l’iniziativa I Love Auditorium con gli ambasciatori social, che potranno fare richiesta per seguire e raccontare i concerti attraverso i social ufficiali dell’Auditorium, con l’hashtag #RomaSummerFest.

Roma Summer Fest 2018, le foto della conferenza stampa

Arianna Galati

Foto di Musacchio - Ianniello - Pasqualini

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI