Onstage
foto-concerto-salmo-rugby-sound-2019

Nessuno fermi Salmo, inarrestabile anche da seduto

Già lo pensavamo, che sarebbe stato difficile fermare quella macchina da guerra e da sold out che è Salmo. Un artista a cui sono serviti cinque mesi per cambiare il mondo del rap italiano: dall’uscita dell’album Playlist è stato tutto un crescendo. Dai club milanesi ai palazzetti ai grandi spazi estivi all’aperto.
Lo pensavamo, che fosse inarrestabile. Ma è stato il concerto di ieri sera al Rugby Sound a Legnano a farci capire che, si, ci avevamo visto giusto. Neanche un crociato rotto può fermare la furia di Salmo. 

Dategli solo una carrozzina motorizzata. 

Il 28 giugno al Bologna Sonic Park Salmo ha subito un infortunio tra il quarto e quinto pezzo. È rientrato nel backstage per poi tornare su palco e finire il set. Crociato rotto. Ma non ci ha mai pensato a bloccare il tour. E a Legnano fa il suo ingresso su una carrozzina motorizzata con le fiamme rosse ai lati, partendo da 90 min, il suo pezzo dei record. Il Rugby Sound, che ieri sera ha registrato un altro sold out dopo la data di J-Ax e Articolo 31, va fuori di testa su Stai Zitto, Giuda e Russel Crowe. Ma – diciamoci la verità – impazzisce per ogni pezzo. Perché il live di Salmo non conosce battute d’arresto. Non ci sono momenti di calo o riempitivi, ma una tensione che ti attraversa costante per tutto lo show. E dio solo sa quanto non è scontato, soprattutto in un panorama rap italiano che sembra perdere sempre più di sostanza e qualità live. 

I live di Salmo sono semplicemente impeccabili. Anche da seduto. La band che lo accompagna sul palco spazia da riff pesanti, a tocchi di raggae, pop e metalcore, creando una fusione di elementi coerente e genuina.
Una formula che clicca con il pubblico in modo incredibile.
“Ragazzi, state tutti bene? Se qualcuno non si sente bene alzate la mano e il concerto non va avanti”, chiede continuamente Salmo, dimostrando ancora una volta la forte connessione che ha sempre avuto e coltivato con il suo pubblico. Li fa ballare, abbassare e saltare – “al mio via dovete toccare il cielo”. E li guida nella creazione di un circle pit:  se la ragazze hanno paura, lasciatele uscire. E ricordate, il pogo non è una rissa, è una danza, e se qualcuno cade dovete fermarvi e aiutarlo a rimettersi in piedi”. 

Una grande festa. Che si conclude con l’arrivo sul palco della sua Machete Crew. Sono passati 10 anni da quando è nata la Machete, che è ancora in piedi e più forte di prima. Come lo stesso Salmo. 

Il suo percorso ha visto un crescendo incredibile; ma non siamo ancora arrivati al climax, lo sentiamo.
In ogni caso, teniamoceli stretti, questi artisti con tanta voglia di fare live di livello. Anche con il crociato rotto. 


Setlist
90 min
Mic Taser
Stai Zitto
Ricchi e morti
Giuda
Russel Crowe
Perdonami
L’alba
Cabriolet
PXM
Papparapa’
Daytona
Disobey
Hallvisback
S.A.L.M.O
1984
Il cielo nella stanza 

Paola Marzorati

Foto di Elena Di Vincenzo

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI