Onstage
Foto-concerto-snow-patrol-milano-10-febbraio-2019-2 (1)

Il racconto della “prima vera volta” degli Snow Patrol in Italia

È stata una prima volta quella degli Snow Patrol ieri al Fabrique di Milano. Al settimo album in carriera, Wildness, la band capitanata da Gary Lightbody non aveva mai suonato un live da headliner in Italia. Lo ha fatto ieri, nella venue milanese, davanti a un pubblico ormai fedelissimo.

Dopo l’apertura affidata nell’ordine ai due artisti emergenti irlandesi JC Stewart e Ryan McMullan, gli Snow Patrol, tornati sulla scena dopo un silenzio lungo cinque anni, si (ri)prendono la città con uno show capace di unire semplicità e grandeur, un tono confidenziale e a un ritmo da concerto rock.

L’attacco è affidato a tre pezzi storici, Take Back the City, Chocolate e Crack the Shutters, seguiti da Empress e Don’t Give In, in una scaletta che, come annunciato da Gary Lightbody alla vigilia del tour, avrebbe unito i pezzi vecchi e nuovi di una carriera giunta quest’anno al venticinquesimo anniversario.

https://www.instagram.com/p/BtyHoUOI5h7/?utm_source=ig_share_sheet&igshid=1e8ome0ykv5b2

«C’è tanta roba pesante in Wildness, ma non credo che sia un album pesante, credo che contenga gioia, speranza e una certa risolutezza – ci aveva raccontato allora Lightbody, arrivato a questo disco dopo un lungo processo di riabilitazione dalla dipendenza dall’alcol –. Quando lo suoniamo dal vivo io non penso al momento della mia vita, in cui mi trovavo mentre lo stavo scrivendo, penso al pubblico e voglio che tutti si sentano connessi, che provino gioia, che abbandonino ogni cosa accaduta prima del loro ingresso in sala, così come noi band lasciamo tutto fuori dal palco. Credo che un concerto sia il posto perfetto per vivere il momento, è quello che cerchiamo di fare e spero che il pubblico torni a casa sentendosi un po’ più leggero».

Missione riuscita. La band sul palco gira a meraviglia, guidata da un ritrovato Lightbody, che se piazza qualche errore – come quando presenta Run, «la nostra prima hit», ma… «oh no, sto parlando della canzone sbagliata, vero? Ok, tutto quello che ho detto, ricordatevelo per la prossima» e arriva Open Your Eyes, tra i momenti più belli del concerto, con tutto il pubblico che canta il ritornello – è bravissimo ad annullare la distanza tra palcoscenico e parterre. Poi, sì che è il momento di Run, a questo punto attesissima, e anche se il solo di chitarra per stessa ammissione di Gary, che si scusa alla fine del pezzo, non è precisissimo, il pezzo suona una bomba.

Come nella scrittura, anche nel creare l’atmosfera del live, la band, in parte irlandese, in parte scozzese, è bravissima a toccare le corde di un sentimento, che non scade mai nel melenso. In più la scaletta è un crescendo di intensità, capace di catturare l’audience pezzo dopo pezzo e portarlo, veramente, in un qui e ora parallelo.
Incastonata tra You Could Be Happy e Make This Go On Forever, dal disco di maggior successo della band, Eyes Open, del 2006, la nuova Life On Earth fa da chiave di volta nel portare il live su toni più scuri. I visuals, che l’accompagnano, arrivano direttamente dalla NASA e si inseriscono in una selezione di video veramente azzeccata, mai esosa, ma sempre importante.

Shut Your Eyes, Dark Roman Wine, Heal Me e la bellissima The Lightning Strike (What If This Storm Ends?) ci accompagnano verso il finale, dove non può assolute mante mancare Chasing Cars, la hit assoluta della band, resa ulteriormente famosa per aver fatto parte della colonna sonora di Grey’s Anatomy. Un tripudio, seguita da You’re All I Have, altro singolo del rappresentatissimo Eyes Open, che chiude lo show prima del bis.

Richiamati a gran voce sul palco gli Snow Patrol suggellano un concerto bellissimo per contenuti, atmosfere e comunicatività con l’intima What If This Is All the Love You Ever Get?, sulla quale Lightbody, un po’ giù di voce, chiede l’aiuto del pubblico, che arriva con amore, forse più di quanto immaginava di poterne ottenere, e la danzereccia Just Say Yes, un cioccolatino per lasciarci con l’anima dolce, prima del ritorno il 14 giugno al Firenze Rocks, in compagnia dell’amico Ed Sheeran, Zara Larsson e Matt Simons.

Scaletta:
Take Back the City
Chocolate
Crack the Shutters
Empress
Don’t Give In
Open Your Eyes
Run
You Could Be Happy
Life on Earth
Make This Go On Forever
Shut Your Eyes
Dark Roman Wine
Heal Me
The Lightning Strike (What If This Storm Ends?)
Chasing Cars
You’re All I Have
Bis:
What If This Is All the Love You Ever Get?
Just Say Yes

Foto-concerto-snow-patrol-milano-10-febbraio-2019-2 (2)

Cinzia Meroni

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI