Onstage
at-the-drive-in-milano-2018-foto

Il racconto del concerto degli At The Drive In a Milano

Dopo il salto di data avvenuto quest’estate, è giunta l’ora per gli At The Drive-In di presentare anche all’Italia il volto e il valore dell’ennesima reunion della band capitanata da Cedric Bixler Zavala e dal prolifico chitarrista Omar Rodriguez Lopez. Manca all’appello il membro fondatore Jim Ward, allontanato a causa delle inconciliabili divergenze artistiche che sono state i venti di tempesta che da sempre hanno imperversato sulle sponde del gruppo, fin dalla loro esplosione commerciale del 2000 con l’album Relationship of Command.

La serata dell’Alcatraz all’insegna del noise rock è aperta da supporter di tutto rispetto, Le Butcherettes e il duo Death From Above. Jesse F. Keeler al basso e Sebastien Grainger alla voce sono forti di una carriera quindicennale e di un nuovo album fresco di realizzazione Outrage! Is Now. Ed è proprio con la title track di questo ultimo lavoro che il bassista Keeler dimostra una padronanza al sintetizzatore non indifferente, arricchendo il sound del duo che esplode in maniera convincente anche con Freeze Me, la ballata White Is Red e la cover beatlesiana Helter Skelter. Il loro post punk influenzato dal metal è energia e rumore puro, tanto per spianare le difese acustiche delle orecchie dei presenti alla serata.
La garage punk band messicana dei Le Butcherettes invece vanta al microfono il ciclone Teri Gender Bender che tanto ha collaborato con gli stessi At The Drive In ma anche con Melvins (da recuperare il progetto di assoluto valore Crystal Fairy). La cantante e la nuova batterista Alejandra Luna Robles sono tanto belle quanto scalmanate sul palco. Teri si conferma performer di livello straordinario, sia nel bagaglio tecnico che nella presenza teatrale e sensuale sul palco.

Gli At The Drive-In hanno una presenza scenica tra le più incisive della scena noise e tra le cose perdute nel corso degli anni (si formano in Texas nel ’93 e il primo album Acrobatic Tenement è del ’96) non c’è quella di coprire il palco con dinamismo e carattere grazie soprattutto al capelluto cantante Zavala. Dopo il concerto del 2016 che sanciva formalmente la reunion del gruppo questa volta gli ATDI si presentano nel nostro paese con un album di inediti uscito dopo ben 17 anni dal precedente. In•ter a•li•a pur non potendo competere con i fasti del passato, ha comunque avuto il merito di fugare alcuni timori di qualche malfunzionamento dovuto agli screzi artistici e a qualche egocentrismo di troppo dei componenti della band, attestando invece una progressione in maturità e tecnica soprattutto nella parte vocale.

Zavala appare leggermente appesantito dagli anni ma è solo un effetto ottico perché dal primo istante in cui mette piede sul palco appare al pubblico (esiguo questa sera, a dir la verità) spiritato e carico come un cannone durante un arrembaggio. Gli occhi sono spalancati verso una folla che accende e acclama ancor prima che con le maracas dia inizio al concerto con Arcarsenal, puntando sul lavoro maggiormente amato dal pubblico Relationship Of Command del 2000, che inizia proprio con questo pezzo. Ci sarà ancora molto spazio per i pezzi provenienti dal loro maggior successo commerciale, come la mitica e cantatissima One Armed Scissor ma anche Pattern Against User, Invalid Litter Dept. Enfilade e Sleepwalk Capsules. Funzionano bene e sono una conferma anche i pezzi del nuovo album, No Wolf Like The Present Governed By Contagions Hostage Stamps e Call Broken Arrow.

Gli At The Drive-In del 2018 sono una band che ha vissuto una carriera ormai lunga e molto travagliata, ma che è ancora capace di sfoderare quell’energia sotto forma di tecnica e velocità che fa del loro post hardcore scuola per generazioni di musicisti. Una sregolatezza tecnica che ora ha anche l’arma di una maturità maggiore di un tempo, una consapevolezza dei propri mezzi che sarebbe interessante vedere applicata a quella psichedelia progressive di un gruppo chiamato Mars Volta, un ritorno che sarebbe gradito a molti. Anche tra i fan degli At The Drive-In.

At The Drive In Milano 2018, le foto del concerto

Altri articoli su questo concerto

Daniele Corradi

Foto di Elena Di Vincenzo

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI