Onstage
cosmo indiegeno fest 2018 concerto 7 agosto

All’Indiegeno Fest 2018 Cosmo è una valanga travolgente

Il secondo giorno all’Indiegeno Fest 2018 è decisamente molto più movimentato del primo: la line up è differente da quella pur potentissima della prima serata, ma subentra la familiarità con gli addetti ai lavori e ti fermi a parlare un po’ con chiunque, senza limitazioni. Significa anche godersela un po’ di più. Ad aprire ci sono i Giorgieness, primo violentissimo schiaffo ad una calma serata estiva siciliana. La cantante e leader Giorgia D’Eraclea dimostra subito di essere una che sul palco ci sa stare e riesce anche negli intermezzi tra una canzone e l’altra a conquistare il favore del pubblico. Talento e personalità rendono l’esibizione dei Giorgieness un perfetto trampolino di lancio per quello che sarebbe successo dopo.

Un dopo che descrivere è molto complicato. Il concerto di Cosmo è, senza ulteriori giri di parole, uno degli eventi live più insoliti ai quali io abbia mai assistito. Premessa: mi son spesso sentito dire di quanto, tra le cose da fare, avrei dovuto necessariamente aggiungere un concerto di Cosmo. La cosa sorprendente non era che mi si consigliasse di assistervi, quanto il profilo di chi questi consigli me li dava: chi con la passione per il cantautorato, chi per il balletto, chi per l’opera lirica, tutti pronti a ripetermi la stessa cosa: “è un’esperienza”. Un ritornello trasversale. Grazie a Indiegeno posso dire la mia sull’argomento: sì, è un’esperienza davvero. Straniante, per la maggior parte del tempo, ma in senso positivo. Cosmo riesce a far dimenticare allo spettatore i concetti di spazio e tempo: ci sono momenti in cui ci si sente ad un concerto, altri in cui sembra di aver varcato la soglia di una discoteca.

Il risultato di quest’alternanza è, per tornare all’esperienza di cui sopra, uno spettacolo totale e totalizzante: si canta, si balla, si rimane intontiti per il bombardamento di percussioni che Cosmo ed i suoi musicisti sono in grado di produrre, intrappolati in un loop che sembra non voglia finire mai. Poi ci sono le hit – e mi riferisco a L’ultima festa, Turbo, Quando ho incontrato te, Sei la mia città – quelle che, da qualche tempo hanno permesso di annoverare Cosmo nella cerchia degli artisti più in voga del Paese, e che garantiscono un’equa distribuzione del divertimento, anche tra i meno avvezzi al sound elettronico di Cosmotronic.

Passato Cosmo, Indiegeno Fest prosegue e l’attenzione è rivolta tutta all’identità del secret artist che si esibirà nella splendida cornice della Riserva Naturale dei Laghetti di Marinello. Qualche idea?

Seguite i concerti dell’Indiegeno Fest 2018 sulle Instagram Stories di Onstage!

Altri articoli su questo concerto

Felice Ragona

Foto di Roberto Panucci

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI