Onstage
N*E*R*D* nuovo album 2018

No_One Ever Really Dies rimette sulla mappa il collettivo N.E.R.D.

Per molti l’era N.E.R.D, collettivo formato da Pharrell Williams, Chad Hugo e Shae Haley, era terminata nel 2010. L’album Nothing uscito in quel periodo non convinse critica e pubblico, lasciando, ai più, l’immagine di un gruppo che aveva terminato argomenti e idee. Da quel momento in avanti, inoltre, Pharrell iniziò a occuparsi maggiormente alla sua carriera solista, ottenendo risultati straordinari su più campi: dalla musica alla moda.

nerd-no-one-ever-really-dies-coverSette anni dopo però, precisamente a novembre, esce il singolo Lemon in collaborazione con Rihanna che per l’occasione rappa mostrando un flow davvero niente male. La canzone in questione è una irresistibile club banger, supportata da una sfida con tanto di hashtag (#lemonchallenge) lanciata sui social media per artisti e persone comuni che si sono messe alla prova nel ballo, grazie a un tutorial presente nel video che ha fatto spargere la voce. Sul pianeta N.E.R.D. c’è vita.

La rinascita del collettivo si è poi completata definitivamente il 15 dicembre con l’uscita del nuovo album No_One Ever Really Dies. Undici brani con collaborazioni che spaziano da Future e Kendrick Lamar, a M.I.A. e Andrè 3000, fino ad arrivare a Gucci Mane, Ed Sheeran e Frank Ocean. Il rischio, con nomi di questo calibro, era quello di creare un effetto compilation o, come si direbbe oggi, playlist. Questo, fortunatamente, non si è verificato anche grazie a un concept di fondo incentrato sulla questione razziale, da sempre molto vicina a Pharrell Williams.

No_One Ever Really Dies è un concentrato di black music con produzioni curate nei minimi dettagli e caratterizzate da continui cambi di beat che sono un vero e proprio toccasana per le orecchie degli ascoltatori. In anni in cui il trap ha influenzato tutti, appiattendo la ricerca sonora, è davvero un bel sentire. Da segnalare come uno dei migliori pezzi dell’album Rollinem 7’s, brano che riassume in pieno l’approccio alla musica di Pharrell e soci e che ha il merito di mostrare al mondo un Andrè 3000 in forma smagliante.

Se gli album precedenti targati N.E.R.D. erano sempre sembrati strapieni di idee mai portate davvero a compimento, No_One Ever Really Dies ha il pregio di aver finalmente centrato il bersaglio grosso. Un vero ritorno alle origini per il collettivo che si piazza nuovamente e con prepotenza sulla mappa, con l’intento, si spera, di non far perdere le proprie tracce per altri sette anni.

Voto Album:

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI