Onstage
paramore-nuovo-album-2017

Il nuovo album dei Paramore è una festa riuscita a metà

A distanza di quattro anni dal loro disco omonimo, i Paramore tornano con After Laughter. L’album, prodotto da Justin Meldal-Johnsen e da Taylor York, segna il ritorno nel gruppo di Zac Farro, batterista e membro fondatore.

Il nuovo progetto della band statunitense, anticipato dal singolo Hard Times, è il trionfo del pop. I Paramore sembrano proprio un’altra band e per i fan di lungo corso lo shock iniziale dev’essere stato bello forte. Questo non vuol dire che siano diventati una band peggiore, ma che i tempi dei ritmi rock e pop-punk degli esordi siano lontani è semplicemente un dato di fatto.

Oggi il mood è diverso, canzoni ballabili e ritornelli immediati sono il mantra dei quaranta minuti necessari all’ascolto. L’impatto è forte, ma una volta immersi nel nuovo mondo dei Paramore la sensazione è comunque quella di benessere. All’interno di After Laughter c’è molto colore e lo si nota subito. Basta guardare la copertina e il video del primo singolo. Abbiamo davanti a noi un disco pop, orecchiabile e dalla presa assicurata con arrangiamenti elettropop e new-wave che ti fanno muovere la testa dall’inizio alla fine, grazie a brani vivaci come Fake Happy, Told You So e Caught in the Middle.

Tutto questo brio però cozza incredibilmente con i testi cantati da Hayley Williams, banali e dal sapore di già sentito. Infatti, sono proprio le liriche il vero punto debole del progetto. E come se la grande festa organizzata dai Paramore saltasse proprio sul più bello. Il posto è perfetto, il catering scelto è quello giusto, gli invitati sono tutti puntuali e con l’abito più costoso ma all’ultimo momento ecco l’imprevisto. Non si sa bene come, non si sa bene perché, ma il protagonista della serata ha deciso di presentarsi al suo party in pigiama e controvoglia rovinando il mood dell’evento. Ed è un peccato.

Dei dodici brani presenti nella tracklist uno dei più riusciti, e distanti da quello che poteva essere il panorama dei Paramore, è certamente Tell Me How. Una sorta di confessione, elegante e moderna che posta in chiusura si distacca da tutto il resto. Gli accordi di pianoforte uniti a richiami sfuggenti di ritmi tropicali sono una vera chicca. Il brano sarebbe perfetto nella tracklist dell’ultimo disco di Drake. Uno che con il pop ci danza parecchio bene ultimamente.

Il tentativo dei Paramore è tutto sommato riuscito, serviva uno scossone forte e deciso ed è arrivato. La strada da intraprendere adesso è questa, non avrebbe senso stravolgere nuovamente i piani. I fan dovranno accettare con calma il cambiamento, il 2017 chiama e bisogna adattarsi.

Voto Album:

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI