Onstage
Foto-concerto-snoop-dogg-milano-30-luglio-2014-Prandoni

Neva Left dimostra che Snoop Dogg è ancora in grado di fare rap

Sarà ancora in grado Snoop Dogg di fare un disco rap all’altezza delle aspettative? Dare una risposta affermativa a questa domanda non è poi così scontato. Perché nel corso degli anni il Nostro, che ha certamente continuato a godere di ottima fama a livello mondiale, si è concentrato su molti altri lati dello show business come il cinema, il wrestling (nel 2016 è stato inserito nella Hall of Fame della WWE), le serie tv e tanto altro ancora. Snoop con il passare del tempo si è allontanato dal suo primo e vero amore: il rap.

Oggi bene o male lo spilungone statunitense che va pazzo per la marijuana e per i “suoi” Los Angeles Lakers lo distinguono tutti. Anche i più giovani, che 24 anni fa quando Doggystyle impazzava nelle radiolone non erano nemmeno nati, hanno in mente la sua faccia. Tuttavia, rispetto agli anni ’90, sono in minor numero quelli che lo conoscono puramente per le rime. Neva Left, questo il titolo della nuova release, si pone come un contenitore di tutte le diverse evoluzioni di Snoop Dogg. L’album è un giusto mix di campioni old e sonorità più odierne e fresche con uno Snoop in stato di grazia nonostante gli anni che inesorabilmente avanzano. Nelle 16 tracce è possibile immergersi nel rap anni ’90, nel reggae e nel funk. Il tutto è magistralmente orchestrato dal flow melodico del rapper californiano. Il suo particolare timbro vocale è quello di una volta, unico e originale.

Tra i brani migliori del lotto spiccano senza dubbio alcuno Big Mouth, Bacc in da Dayz e Lavender. Sentire un po’ di scratch in un disco hip hop è ossigeno puro. Snoop Doog ci teneva a far sapere al mondo intero di essere ancora in grado di produrre un disco rap ad alto livello, senza dover per forza scimmiottare le nuove leve. All’interno di Neva Left sono molti i featuring presenti. Per il suo ritorno in grande stile Snoop ha deciso di circondarsi di amici e non ha voluto lasciare fuori proprio nessuno. Troviamo infatti, tra gli altri, Wiz Khalifa (i due hanno fatto un album insieme nel 2011 dal titolo Mac & Devin Go to High School), Redman, Method Man e Big Tra Dee.

Dopo l’ora di ascolto una cosa è chiara: Snoop Dogg sarà sempre in grado di fare rap. La voglia sicuramente non è più quella di una volta e gli impegni in agenda sono tanti, ma era da parecchio tempo che il rapper non si presentava così in forma e tirato a lucido. Certo l’album non sarà la migliore uscita dell’anno, la hit non c’è, ma nel complesso il risultato è soddisfacente. Snoop deve aver capito che gli basta restare così, spensierato e giocherellone, per tenere costantemente l’attenzione dalla sua parte.

Voto Album:

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI