Onstage
10-volte-in-cui-sanremo-ha-dimostrato-di-capirne-poco-di-musica

10 volte in cui Sanremo ha dimostrato di capire poco di musica

6. Laura non c’è – Nek (1997)
Il settimo posto in classifica non è poi così male, ma dice davvero poco del successo che ha avuto poi questa canzone: fin da subito ha cominciato ad essere apprezzata anche oltreconfine e ha spinto non poco le vendite dell’album Lei, gli amici e tutto il resto in cui era inserita, portandole fino a 1 milione e mezzo di copie in tutto il mondo.

7. Una musica può fare – Max Gazzè (1999) 
Il Festival di Sanremo ha sempre portato fortuna a Max Gazzè: Una musica può fare si è guadagnata l’8° posto nella Sezione Giovani nel 1999 e Il solito sesso il 12esimo nel 2008 (tra i big), ma entrambi i brani sono diventati capisaldi del suo repertorio.

8. Tutti i miei sbagli – Subsonica (2000) 
Tutti i miei sbagli è indubbiamente uno dei pezzi più famosi dei torinesi (ancora oggi), ma al Festival di Sanremo riuscì a guadagnarsi solo un modesto 11esimo posto.

9. L’assenzio – Bluvertigo (2001)
Il risultato per Morgan e soci a Sanremo 2001 è di quelli da dimenticare – 16° e ultimo posto – ma in tanti li hanno conosciuti proprio grazie a L’assenzio, che continua ad essere uno dei loro brani più conosciuti, da fan e non.

10. Salirò – Daniele Silvestri (2002)
In classifica generale questa canzone si è piazzata solo al 14esimo posto ma a pareggiare i conti ci hanno pensato gli addetti ai lavori – assegnandole il Premio Mia Martini della Critica – e il pubblico. Nel 2002 ha guadagnato la settima posizione tra i singoli più venduti dell’anno.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI