Onstage
afterhours roma streaming concerto 2017

Afterhours, 30 frasi per celebrare 30 anni di carriera

«Tanti investono in tour superprodotti con mille trovate sceniche e molti orpelli: noi invece crediamo che una sostanziale tensione emotiva sia ciò che più contraddistingue il nostro progetto» – Manuel Agnelli

«Mi piace pensare che i pezzi vivano dentro di me con naturalezza. Quando muoiono, muoiono. E quando accade preferisco dedicarmi a scriverne di nuovi piuttosto che tentare di riesumare un corpo che la sua vita, bene o male, l’ha già avuta. Ovviamente tengo a precisare che non mi vergogno di niente, tutte le canzoni degli After hanno avuto un senso e una dignità nel momento in cui sono nate, e questo fa sì che io non abbia problemi né rimpianti di alcun tipo se oggi magari non mi ci riconosco più» – Manuel Agnelli

«Una grossa parte del nostro pubblico era comunque già matura ma forse era la parte silenziosa. Oggi, probabilmente, ha preso il sopravvento e sono molto felice di questo. Poi, cosa molto importante, ci sono i nuovi arrivati, ragazzi più giovani e meno contaminati che in passato dalle leggende su di noi. Hanno quella curiosità che a una parte del nostro pubblico per qualche anno è mancata» – Manuel Agnelli

«Vogliamo sorprendere prima ancora che compiacere e questo è anche il nostro modo di rispettare il nostro pubblico, di essere sinceri con lui piuttosto che prenderlo per il culo recitando una parte e accontentandolo» – Manuel Agnelli

«Sei antica, questo io lo vedevo al Festivalbar degli anni ’80» – Manuel Agnelli

«È  il vostro conformismo da anticonformisti che proprio non sopporto» – Manuel Agnelli

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI