Onstage
Vinci accrediti concerto Billy Idol Lucca

Rebel Yell di Billy Idol compie 35 anni

Il 10 novembre 1983 veniva pubblicato Rebel Yell, album più famoso di Billy Idol e tra i dischi più iconici del movimento rock / new wave che caratterizzò in modo determinante la prima metà degli Ottanta. All’epoca l’airplay che MTV diede a video come Rebel Yell ed Eyes Without a Face fu determinante nel posizionare Billy in un ruolo di dominanza assoluta tra le rockstar maggiormente in vista e influenti di quel periodo.

billy-idol-rebel-yell-1983

Rebel Yell contiene tutti gli ingredienti che hanno reso nota la proposta musicale di Billy Idol: chorus clamorosi, atmosfere roventi, rock diretto guidato da riff e assoli, produzione ultra patinata. Non c’è una singola traccia trascurabile e anche le meno conosciute (Do Not) Stand in the Shadows e Blue Highway sono pezzi hard rock di squisita fattura tecnica. Inutile soffermarsi sui singoli, ancora oggi canzoni che accomunano vecchi e giovani rocker: canzoni come Flesh for Fantasy e la titletrack sono considerati inni generazionali, tanto quanto le altre notissime (e presenti in altre release) White Wedding, Mony Mony e Dancing With Myself (incisa in origine con i Generation X nel 1979).

Messa alle spalle l’esperienza punk coi Generation X, William Michael Albert Broad si trasferì negli States a inizio anni ottanta per lanciare la propria carriera solista. Insieme a Steve Stevens incise due album dal successo clamoroso nell’arco di un paio d’anni, ottenendo riconoscimenti negli States e in Europa. Tanto furono scintillanti gli Ottanta, quanto terribili risultarono i Novanta: Billy conobbe trionfo e oblio nel giro di un ventennio, per riuscire poi a tornare in grande forma nei Duemila, grazie a due nuovi album e tour mondiali di buon livello.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI