Onstage
Lauryn-Hill-The-Miseducation-of-Lauryn-Hill-1998

L’album più famoso di Lauryn Hill compie 20 anni

Il 25 agosto 1998 esce The Miseducation Of Lauryn Hill, primo e unico album solista della statunitense Lauryn Hill e secondo molti uno dei capisaldi del pop di fine Anni Novanta. Con questo disco la Hill ridefinisce le regole della musica mainstream da lì in avanti.

20 ANNI FA…
“Ciao sono Lauryn Hill, vi ricorderete di me per il ruolo in Sister Act 2, per aver masticato chewing gum su un ascensore in King Of The Hill e per il fatto di aver spaccato tutto con i Fugees appena ventenne”: parafrasando Troy McClure, noto personaggio dei Simpson, Lauryn Hill nel 1998 ha già alle spalle un solido background e le bastava la spinta giusta per arrivare nella stratosfera del music biz. Dopo aver esordito da teenager nel mondo del cinema (ma nel film con Whoopi Goldberg ebbe l’occasione per dimostrare il suo talento vocale), a soli 15 anni entra a far parte dei Fugees, unico membro statunitense del trio (Pras e Wycleaf Jean sono infatti di origini haitiane). Dopo un primo lavoro passato inosservato (Blunted on Reality), il successo internazionale per la band arriva nel 1996 con The Score: multiplatino, venderà decine di milioni di copie in tutto il mondo, vincerà ai Grammy il premio di “Best Rap Album” e vanta al proprio interno singoli come Ready Or Not, Fu-Gee-La e la nota cover di Killing Me Softly. Ma soprattutto presenta il talento cristallino di Lauryn Hill, una voce profonda con la bad attitude del rap, il tutto incastonato nel sorriso più bello del mondo.

IL DISCO
L’album è influenzato dalla maternità, la prima di Lauryn Hill, e dalla repentina fine della storia dei Fugees, “imprevisto” che, tra le altre cose, permette all’artista di lavorare con colossi come Aretha Franklin e Whitney Houston.
La Hill crede così tanto nel progetto da decidere di ricoprire il ruolo di produttore esecutivo, in associazione con quel Cid Vicious che lavorerà in futuro anche con Kanye West. Le registrazioni la terranno impegnata dalla fine del 1997 fino a giugno 1998, a poche settimane dall’uscita del disco. Un cd nato nella East Coast dentro cui batte un cuore giamaicano: buona parte del materiale è stato infatti registrato presso gli storici Tuff Gong Studios di Kingston, inaugurati dalla leggenda del reggae Bob Marley. Lauryn Hill ha voluto un controllo creativo completo del suo lavoro, rigettando ogni interferenza esterna proposta dalla sua etichetta, ma non disdegnando l’aiuto di colleghi: nella release trovano spazio nomi come quello di Carlos Santana, che l’anno successivo sarà protagonista di una rinascita clamorosa con Supernatural, quello di Mary J.Blige e D’Angelo.
The Miseducation Of Lauryn Hill è una fusione della musica che ha formato la cantante statunitense: troviamo il gospel, l’hip hop (compresi alcuni velati dissing ai suoi ex colleghi dei Fugees), il reggae, il soul e l’R’n’B. I temi denotano una maturità importante per una 23enne: si passa dalla maternità all’amore, dalle relazioni alle delusioni passando per il rapporto con Dio.
Pur avendo venduto quasi venti milioni di copie in tutto il mondo, il disco è tutto fuorché cucito su misura per essere mainstream: non a caso gli unici singoli dall’appeal radiofonico sono Doo Woop (That Thing) e Everything Is Everything, a conferma che alla fine degli anni Novanta il mercato discografico viveva di dinamiche ad oggi circoscritte a pochissimi episodi.

…E OGGI
The Miseducation Of Lauryn Hill ha di fatto stravolto le regole del pop al femminile, delineando un limite ad oggi ancora non superato. Ne abbiamo conosciute negli anni a seguire di artiste globali dal successo più clamoroso (tre nomi a caso, Beyoncé, Rihanna e Katy Perry), ma nessuna è riuscita a sfornare un debutto del calibro di The Miseducation dal punto di vista della qualità e della varietà stilistica. Un disco che ha segnato molti record per l’epoca, dal numero di copie vendute (circa 450.000 al debutto) alle dieci nomination ai Grammy, che hanno poi portato a cinque Award.
Il successo dell’album resterà però circoscritto: già nel 2000 Lauryn Hill deciderà di defilarsi dal music business, pubblicando nel 2002 un Unplugged registrato negli studi di MTV e pochissimi singoli negli anni successivi, ai quali sono seguiti tour più o meno estesi capaci ancora di catturare l’attenzione di migliaia di fan.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI