Onstage
jamiroquai-milano-2017-prezzi-biglietti-informazioni-concerto

20 anni fa usciva Deeper Underground. Le linee di basso migliori di sempre

Sono già passati vent’anni dall’uscita di Deeper Underground dei Jamiroquai. Passa veloce il tempo. Nel 1998 per ascoltare un nuovo singolo non arrivava la notifica da Spotify o lo spot di Vevo su YouTube, ma si guardava MTV. Sì, quell’emittente che oggi si ricorda di essere focalizzata sulla musica solo a ridosso dei vari Awards, che siano i Video Music Awards o gli European Music Awards.

Deeper Underground nel 1998 fu una mazzata clamorosa, arrivò in un periodo di transizione per i Jamiroquai (il brano fu lo spartiacque tra la band di Jay Kay e il progetto personale di Jay Kay) e, soprattutto, fu il pezzo trainante di quello che poi si rivelò un film mediocre (Godzilla, quello di Emmerich, aka mai fidarsi dei teaser trailer). Chiusa la parentesi cinematografica, il brano del gruppo inglese fa il botto, scala le classifiche di tutto il mondo ed entra, meritatamente, nella memoria collettiva grazie ad un video iconico e ad un giro di basso che tutti ricordano ancora oggi.

In occasione di questo compleanno, rispolveriamo alcune delle bassline più iconiche della musica contemporanea. Non è la classifica delle migliori tracce di sempre, per la semplice ragione che è impossibile fare una cosa di questo tipo.

Le Linee di basso migliori di sempre

2PAC – HIT EM UP
Buona parte dell’hip hop della West Coast presenta linee di basso memorabili. Quella del diss più noto di 2Pac è un campionamento della canzone di Dennis Edwards Don’t Look Any Further. Scelta perfetta.

BEASTIE BOYS (MCA) – GRATITUDE
MCA ci manca, e non solo perché col suo decesso sono “morti” anche i Beastie Boys. Ma anche per il suo gusto al basso elettrico.

BLACK SABBATH (Geezer Butler) – NIB
Entrare nella storia al quarto brano del tuo album di debutto non è da molti. Geezer Butler lo fece nei Black Sabbath, band seminale per lo sviluppo dell’heavy metal.

BLUR (Alex James) – GIRLS AND BOYS
L’amore negli anni Novanta è stato paranoico. Ma chissene, se scrivi una linea di basso tra le più iconiche di sempre.

COMMODORES (Ronald LaPread) – BRICK HOUSE
Lionel Richie prima di iniziare una clamorosa carriera solista è stato membro dei Commodores. Band che entrò nella storia delle linee di basso con questo brano tra i più noti del loro repertorio.

DAFT PUNK – DA FUNK
Il french touch alla sua massima espressione. Uno dei pezzi più noti della band e degli anni Novanta.

DIZZEE RASCAL (Armand Van Helden) – BONKERS
Nel 2009 in UK ci si divertiva alla grande, e Dizzee Rascal ne è stato il maestro. Anche delle bassline.

FATBOY SLIM – WEAPON OF CHOICE
Vi sfidiamo a non imitare il buon Christopher Walken nell’iconico video diretto da Spike Jonze. Trascinante.

MARK RONSON feat. BRUNO MARS (Jamareo Artis) – UPTOWN FUNK
Come per Geezer Butler con NIB, anche Mark Ronson è riuscito in una difficile impresa: stamparsi nell’immaginario collettivo con un pezzo perfetto in un’era di vera e propria bulimia sonora.

MOTORHEAD (Lemmy) – ACE OF SPADES
Di melodie di basso eccellenti Lemmy Kilminster ne ha scritte a bizzeffe. Ace Of Spades è senza alcun dubbio quella che si riconosce da subito.

MUSE (Chris Wolstenholme) – HYSTERIA
Una delle band più grandi della storia contemporanea, si posiziona di diritto in questa selezione grazie a un pezzo iconico.

NEW ORDER (Peter Hook) – BLUE MONDAY
Il contributo indelebile di Peter Hook alla club music.

PETER GABRIEL (Tony Levin) – SLEDGEHAMMER
Dopo l’esperienza con i King Crimson, Tony Levin decide di “disintossicarsi” collaborando con il pop raffinato di Peter Gabriel. Il resto è noto a tutti.

QUEEN (John Deacon) – ANOTHER BITES THE DUST
I Queen sono stati talmente immensi da poter apparire in ogni classifica. Non potevano ovviamente essere dimenticati qui.

RED HOT CHILI PEPPERS (Flea) – AEROPLANE
Non il più famoso dei giri di basso di Flea, ma di sicuro uno nei quali emerge il suo talento nella maniera più dirompente.

STEVIE WONDER (Nathan Watts) – I WISH
Uno dei dischi più belli della musica contemporanea è anche un vero e proprio Bignami per gli appassionati di basso elettrico. Il giro di I Wish ne è uno dei più iconici.

SUBSONICA (Pierfunk) – AURORA SOGNA
Spazio anche ad un pezzo di storia delle bassline italiane. Clamorosa ancora oggi.

THE POLICE (Sting) – WALKING ON THE MOON
Si potrebbe inserire la discografia intera dei Police. Ci limitiamo a questo pezzo.

THE TIME (Prince) – 777-9311
Inseriamo anche una delle testimonianze di Prince, polistrumentista capace di dire la sua anche come bassista.

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI