Onstage
pearl-jam-canzoni-stadi-2018

Le canzoni dei Pearl Jam che non dovrebbero mai mancare in scaletta

Le date dei concerti si sanno da mesi: 22, 24 e 26 giugno, i Pearl Jam dal vivo in Italia. E le canzoni che suoneranno dal vivo? La scaletta presentata nella leg nord e sudamericana del tour 2018 non ha lasciato spazio a dubbi: i brani simbolo della band di Seattle ci sono tutti. Si spazia dagli esordi ormai mitici con i pezzi di Ten e Vs per approdare all’ultimo album Lightning Bolt. Diventa ben più difficile stabilire quali siano le canzoni imprescindibili dei Pearl Jam, nello specifico le dieci che non dovrebbero mai mancare nelle loro setlist dal vivo. Ci abbiamo provato, sia detto con la massima umiltà. È un lavoro quasi impossibile ma abbiamo selezionato 10 canzoni dei Pearl Jam che non dovrebbero mai mancare in scaletta, quelle che non vediamo l’ora di sentire nelle tre date italiane della band.

1. Alive
Immancabile. L’inno (da stadio ovviamente) perfetto sempre, che sia agli inizi di scaletta o in chiusura, che sia tirata allo spasimo con l’assolo di Stone Gossard e il basso di Jeff Ament a rincorrerlo, che venga prolungata, che venga suonata in medley (praticamente mai, per fortuna), Alive è una gemma purissima che risplende da sola dal 1991. E non smette mai di colpire direttamente stomaco, viscere e altre parti nobili.

2. Even Flow
La parte più aggressiva, sempre dal seminale Ten, il germoglio perfetto di quella gragnuola di batteria e chitarre che ha da sempre caratterizzato il sound dal vivo dei Pearl Jam. Even Flow è un biglietto da visita senza pari.

3. Release
Ballad in grado di squarciare il cuore già dal mormorio sottile di Eddie Vedder dal principio, apre sul finale come un’epica tutta da raccontare e vivere. Liberatemi, canta Vedder, e il coro di voci lo segue a ruota. A Milano nel 2014 fu uno dei pezzi più intensi della serata.

4. Do The Evolution
Rock pesante, hard, vero e ben costruito, un atto di accusa contro il mondo. Quando esce, nel 1998, i Pearl Jam rompono i loro stessi schemi e scelgono di pubblicare un video animato (stupendo) nel pieno della loro lotta contro il colosso americano del ticketing Ticketmaster. La perderanno, ma la canzone resta una delle loro perle dal vivo.

5. Given To Fly
Sempre tratto da Yield e quindi ventenne quest’anno, Given To Fly è epica come Release ma con un ritmo molto più sostenuto. È l’epitome del rock liberatorio dei Pearl Jam, probabilmente.

6. Black
Davvero volete un motivo per giustificare questa canzone? (Play).

7. Mind Your Manners
Nel 2013 i Pearl Jam firmano il loro ritorno con un brano di una potenza di fuoco, quasi punk, inatteso da tutti i fan. Mind Your Manners dal vivo è una scudisciata: il pogo che si scatena fa il resto.

8. Daughter
Ballatona sostenuta perfetta, il disagio della storia raccontata che viene evocato dal coro spontaneo che si apre sempre sul ritornello comandato da Vedder. The picture kept will remind me. Un classicone.

9. Rearviewmirror
I Pearl Jam non sono mai stati degli allegroni, nei loro brani c’è sempre una lotta infinita col passato, coi fantasmi, con ciò che ci si lascia alle spalle. Se esiste un brano in grado di condensare tutto questo e una rabbia ancora adolescenziale, è Rearviewmirror.

10. Indifference
Si attendono lacrime e spremute di cuore sulla perfezione emotiva di Indifference. Che già dalle prime note sbugiarda il significato del titolo, costringendoti a pescare più di un fazzoletto dalla tasca. Ci aspettano tre date incredibili.

Arianna Galati

Foto di Francesco Prandoni

Commenti

Commenti

TROVA CONCERTI